19.2 C
Palermo
domenica, 19 Maggio 2024
Homedal Mediterraneodalle periferieI pupi di Angelo Sicilia con la storia di Padre Puglisi, in scena in una scuola a Falsomiele

I pupi di Angelo Sicilia con la storia di Padre Puglisi, in scena in una scuola a Falsomiele

L’iniziativa di “educazione alla legalità”, che si è svolta stamattina all’I.C.S. “Pirandello-Borgo Ulivia”, ad inizio del nuovo Anno Scolastico

spot_img
  • arietegemelli width=cancro
    leoneverginebilanciascorpione
    sagittariocapricornoacquariopesci
spot_img
- Advertisement -

PALERMO. La “settimana della legalità” di Angelo Sicilia, con una rassegna di spettacoli dedicata a Padre Pino Puglisi, nel trentennale del martirio, ha fatto tappa stamattina, nel quartiere Falsomiele di Palermo. Ad accogliere l’iniziativa, l’Istituto Comprensivo Statale “Pirandello-Borgo Ulivia”, diretto da Donatella Dell’Oglio e dalla sua vice Antonella Bondì. Lo spettacolo di Angelo Sicilia che racconta la vita, gli insegnamenti e l’impegno del parroco di Brancaccio, il “prete che combatteva la mafia col sorriso”, è stato accolto con curiosità e interesse da parte degli studenti e del personale della Scuola. Uno stimolo, un invito a fare di più e ogni giorno nel segno della legalità.

L’iniziativa di Angelo Sicilia, da 25 anni impegnato a diffondere una cultura della legalità con la sua Compagnia dei Pupi Antimafia, sta toccando in questi giorni diversi luoghi spesso simbolo del fenomeno mafioso nell’immaginario comune. Da Cinisi a Corleone fino ad una scuola di periferia a Palermo. Una serie di attività per restituire ai giovani l’insegnamento di Padre Puglisi, in un quartiere spesso ai margini, quale Falsomiele, per l’alto tasso di povertà educativa, criminalità e disoccupazione.

- Advertisement -

Spiegano così, infatti, la dirigente scolastica Donatella Dell’Oglio e la vicepreside Antonella Bondì, sull’iniziativa: “Al di là della ricorrenza su Padre Pino Puglisi, abbiamo deciso volutamente di iniziare l’anno scolastico con un evento di educazione alla legalità. Ad Angelo Sicilia ci lega un’amicizia di lungo corso, per le tante iniziative di impegno civile e sociale portate avanti in questa Scuola. Dopo lo spettacolo, a cui hanno partecipato gli studenti delle terze classi della secondaria di primo grado e le quinte della primaria, i ragazzi restituiranno l’esperienza ai più piccoli. Partiamo dalla scuola e dai ragazzi, per arrivare alle famiglie e al quartiere, lavorando con piccole azioni quotidiane. Se ognuno fa qualcosa, diceva Don Puglisi, allora si può fare molto. Da anni siamo impegnati come Scuola con dei progetti di educazione alla legalità, e le famiglie hanno sempre accolto bene”.

Per Angelo Sicilia l’iniziativa a Falsomiele vuol dire “dare un segno”. Perché, come diceva Don Puglisi: “Noi ci siamo sempre. Siamo un’alternativa al modello di comportamento mafioso”. Quindi: “Ritornare a regalare le parole di Don Pino a questi giovani è dare un segno di speranza”afferma l’artista -. “È stare al fianco di questi docenti che scelgono ogni giorno di stare in trincea, invece di spostarsi in altre scuole di quartieri socialmente più evoluti. Quartieri dove fare l’insegnante assume un ruolo più importante. Un ruolo che non è soltanto quello di educare ma è anche di contrastare la tentazione criminale e il comportamento deviante. Con questa iniziativa siamo vicini alla Scuola e al quartiere. Facciamo rete. E soprattutto, con la storia di Padre Pino Puglisi, ancora una volta, non perdiamo la memoria”.

- Advertisement -

La rassegna di spettacoli di Angelo Sicilia, su Padre Pino Puglisi, continua: il 28 settembre a Buonfornello e il 29 settembre a Cinisi.

- Ad -
spot_img

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie

spot_img

Twitter

spot_img