17.5 C
Palermo
martedì, 16 Aprile 2024
Homedal Mediterraneodalle periferie"Lia Pipitone, vittima innocente di mafia". Una targa all'Arenella per ricordarla

“Lia Pipitone, vittima innocente di mafia”. Una targa all’Arenella per ricordarla

L'appuntamento organizzato dal Coordinamento Libera Palermo, giovedì 7 marzo in via Papa Sergio I, 61, nel luogo dell'uccisione

Lilia Ricca
Lilia Ricca
Giornalista pubblicista, laureata in Comunicazione per le Culture e le Arti all'Università degli Studi di Palermo, con un master in Editoria e Produzione Musicale all'Università IULM di Milano. Si occupa di cultura, turismo e spettacoli per diverse testate online e da addetto stampa. Scrive di sociale per "Il Mediterraneo 24"
spot_img
  • arietegemelli width=cancro
    leoneverginebilanciascorpione
    sagittariocapricornoacquariopesci
spot_img

PALERMO. Giovedì 7 marzo alle ore 15.00 in via Papa Sergio I, 61, nel quartiere Arenella a Palermo, verrà posta una targa per Lia Pipitone, uccisa per mano mafiosa il 23 settembre 1983, all’età di 25 anni.

Era nata per la libertà, Lia Pipitone. Figlia del boss dell’Arenella, Antonino Pipitone. L’omicidio di Lia, avvenuto durante una finta rapina, maturò secondo le sentenze che hanno visto la condanna dei boss Vincenzo Galatolo e Antonino Madonia, in seno a Cosa Nostra, in ossequio alle regole ferree imposte dalla cultura patriarcale mafiosa dalla quale Lia aveva osato affrancarsi.

Oggi Lia Pipitone insieme a tante altre donne che hanno resistito all’oppressione mafiosa, non è riconosciuta vittima innocente di mafia perchè figlia di un boss, nonostante le sentenze chiariscano la sua lotta per l’emancipazione dal contesto familiare.

L’appuntamento, dunque, è per giovedì 7 marzo, nel luogo della sua uccisione, per un presidio durante il quale il Coordinamento di Libera Palermo apporrà una targa temporanea in ricordo della sua voglia di libertà e ribellione, e per denunciare la necessità del suo riconoscimento in qualità di vittima innocente di mafia.

L’iniziativa si inserisce all’interno di un percorso decennale avviato dalla rete associativa di Libera denominato “Diritti vivi”, finalizzato alla tutela di quelli che la legge chiama benefici, ma che affermiamo essere diritti dei familiari delle persone che hanno perso la vita a causa della violenza mafiosa; e alla rimozione degli ostacoli legislativi legati ai processi di riconoscimento ufficiale di status di vittima innocente di mafia.

spot_img

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie

spot_img

Twitter

spot_img