17.5 C
Palermo
martedì, 16 Aprile 2024
Homedal Mediterraneodalle provinceA Castronovo di Sicilia, il murale di Scalisi Palminteri sull'acqua come fonte di vita

A Castronovo di Sicilia, il murale di Scalisi Palminteri sull’acqua come fonte di vita

L'opera "Sorella acqua" realizzata grazie ad un progetto di democrazia partecipata, tra associazioni, cittadini e Amministrazione

Lilia Ricca
Lilia Ricca
Giornalista pubblicista, laureata in Comunicazione per le Culture e le Arti all'Università degli Studi di Palermo, con un master in Editoria e Produzione Musicale all'Università IULM di Milano. Si occupa di cultura, turismo e spettacoli per diverse testate online e da addetto stampa. Scrive di sociale per "Il Mediterraneo 24"
spot_img
  • arietegemelli width=cancro
    leoneverginebilanciascorpione
    sagittariocapricornoacquariopesci
spot_img

PALERMO. La comunità e il territorio di Castronovo di Sicilia, comune incastonato nella suggestiva Valle del Platani, accolgono ‘Sorella acqua’, il nuovo murale dell’artista palermitano Igor Scalisi Palminteri che celebra l’acqua come elemento di vita e come parte del Creato, indissolubilmente legata all’Umanità.

L’opera – condivisa con la comunità, promossa dalle associazioni del territorio, in particolare dall’associazione Innesti, e abbracciata con convinzione dall’amministrazione in un percorso di democrazia partecipata – sorge in un luogo significativo, in via Fonte Regio, scelto appositamente dall’artista per le sue caratteristiche: “Un percorso di democrazia partecipata cominciato mesi fa quello intrapreso con la comunità di Castronovo, con Antonino, Francesca di Innesti e in seguito con l’amministrazione comunalespiega Igor Scalisi Palminteri -, per capire l’intervento giusto da fare sulla parete che avevamo scelto, che insiste su uno dei luoghi meno frequentati ma più suggestivi del territorio: proprio dove sorge un’antichissima fontana che è anche abbeveratorio. Per questo abbiamo deciso di concentrarci sul tema dell’acqua, preziosa sempre, in ogni tempo: l’acqua fonte di vita ma anche ispiratrice per tutte le civiltà. La mitologia, infatti, ha sempre tenuto in alta considerazione questo elemento naturale, essenziale e fondamentale per tutti noi essere umani”.

Il murale di Igor Scalisi Palminteri esprime il legame indissolubile tra l’umanità e l’elemento naturale, l’acqua, rafforzando il concetto che ogni componente del Creato è intrinsecamente connesso con tutti gli altri, come fratelli e sorelle. “Sorella Acqua” trasmette un messaggio universale di rispetto per la natura, richiamando l’attenzione sulla necessità di preservare e valorizzare il bene prezioso dell’acqua.

“Sorella acqua”, Igor Scalisi Palminteri

“Mi sono ispirato al Cantico delle creature di San Francescospiega l’artista -, non a caso il murale si intitola ‘Sorella Acqua’: è così che lui la chiamava perché, nel suo pensiero di fraternità universale, egli considerava anche il fuoco, l’aria e l’acqua stessa come creature di un unico Padre, creature di Dio. La considerava, appunto, una sorella. Nel Cantico delle creature dice Scalisi Palminteri San Francesco dava diversi appellativi all’acqua e uno degli aggettivi che le ha attribuito è umile, perché l’acqua scorre verso il basso, una cosa che mi è rimasta in mente. A modo di vedere di Francesco, l’acqua è umile ma è anche preziosa e casta. Reputo questa visione molto bella e attuale perché Francesco la considera alla stregua dell’essere vivente, ed è ciò che dovremmo fare anche noi oggi con la Natura, prendendocene maggior cura”.

Il murale, impreziosito dai toni vivaci e dalla maestria tecnica di Palminteri, non solo aggiunge una nuova dimensione artistica al paesaggio urbano di Castronovo di Sicilia ma si presenta come un’autentica espressione di amore per il territorio della Valle del Platani: “Ho scelto il volto di questa donna forte, nerboruta, con gli occhi chiari come l’acqua, con questi capelli che sembrano onde, iscritta in questo vortice colorato, appunto a simulare delle onde, proprio perché l’acqua può essere calma ma può anche essere impetuosa e trasformarsi in cascata, arrivando a modellare persino la rocciaè la spiegazione dell’artista -. L’acqua ha queste caratteristiche così diverse, per questo ho immaginato questa donna che le doveva incarnare. In mano tiene due fiori diversi, il pero e il pesco, che sono due delle colture più importanti del territorio. Tutto questo è stato pensato e realizzato in un percorso condiviso, deciso insieme agli abitanti del paese, che hanno partecipato a questa iniziativa e a questo progetto. Ringrazio loro e Antonino e Francesca dell’associazione Innesti e il Comune di Castronovo per aver pensato a me”.

“Sorella acqua”, Igor Scalisi Palminteri

“Sorella Acqua” segna un capitolo significativo nella storia artistica e culturale di Castronovo di Sicilia che si inserisce in un percorso di democrazia partecipata, denominato Castrum_Viva, tra comunità cittadina, associazioni del territorio e amministrazione comunale.

“Castrum_Viva – afferma Domenico Madonia, vicesindaco e assessore alle Politiche agricole, attività produttive, ambiente e territorio e protezione civileè un progetto presentato da tre associazioni castronovesi, Visit Castronovo, Innesti e SiAmo Marcatobianco, che punta alla riqualificazione artistica e sociale. La prima parte del progetto, in fase realizzativa, consiste nella creazione di questo murale, affidata ad Igor Scalisi Palminteri, sul tema dell’acqua, motivo del primo insediamento a Castronovo, ricchezza incalcolabile della città, fonte di vita e al centro della cronaca attuale per via del cambiamento climatico e della siccità. Le altre due parti riguarderanno il montaggio di una via Crucis nel bellissimo e storico borgo di Marcatobianco, ed una ricostruzione in abiti storici dell’ingresso dei normanni di Ruggero di Barnavilla a Castronovo di Sicilia”, conclude l’assessore.

spot_img

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie

spot_img

Twitter

spot_img