19.2 C
Palermo
domenica, 19 Maggio 2024
Homedal Mediterraneodalle province"C'è sempre suli a Vicari": Igor Scalisi Palminteri dedica un murale a Peppino Impastato

“C’è sempre suli a Vicari”: Igor Scalisi Palminteri dedica un murale a Peppino Impastato

L'inaugurazione oggi alle ore 18 a Vicari (Pa) alla presenza delle autorità e della nipote di Peppino, Luisa Impastato

spot_img
  • arietegemelli width=cancro
    leoneverginebilanciascorpione
    sagittariocapricornoacquariopesci
spot_img
- Advertisement -

PALERMO. Sorge a Vicari un significativo murale dedicato alla memoria di Peppino Impastato realizzato dall’artista palermitano Igor Scalisi Palminteri, che sarà inaugurato oggi 29 luglio alle ore 18:00 alla presenza di autorità e, tra gli altri, della nipote di Peppino, Luisa Impastato, oggi attiva nel mantenere viva la memoria del giovane ucciso dalla mafia e di sua madre Felicia.

L’opera, intitolata C’è sempre suli a Vicari, celebra Impastato, un eroe civico simbolo della lotta contro la mafia. Il murale ritrae appunto il volto determinato di Peppino Impastato. “Io sono originario di Terrasini e la storia di Peppino la conosco da sempre – afferma Igor Scalisi Palminteri -, una storia apparentemente ‘piccola’ ma che in realtà riveste grandissima importanza; una storia che ha segnato la nostra terra e che oggi vuole continuare ad essere un monito: il ritratto di un ragazzo ribelle che è stato importante in tutta l’Italia e nel mondo, un mondo che ha bisogno di far propria la coscienza del fatto che non bisogna mai stare zitti, che è sempre giusto dire le cose come stanno”.

- Advertisement -

Il murale C’è sempre suli a Vicari è un’opera di profondo respiro storico e culturale per la comunità di Vicari. Peppino Impastato è stato un giornalista, attivista politico e antimafia che ha dedicato la sua vita alla lotta contro la criminalità organizzata che ha afflitto la Sicilia e la cui odiosa oppressione si respirava nella vita di tutti i giorni nell’isola degli anni Sessanta e Settanta.

“Lui viveva in un territorio in cui la figura ingombrante di Tano Badalamenti purtroppo aveva il suo peso, con quella logica di uomini che praticavano il male e che erano collusi con le istituzioni e le forze dell’ordine corrotte – ricorda Scalisi Palminteri -. Questa è la cosa fondamentale da dire, che il male si insidia non solo nei nostri cuori, ma anche negli apparati dello Stato, con connivenze indicibili con chi dovrebbe proteggere i cittadini e invece fa altro. Peppino Impastato mi ha insegnato la libertà di pensiero, la libertà della parola, il non avere paura, oppure, se si ha paura, mi ha insegnato che bisogna cercare di superarla e dire da che parte si sta, dalla parte del bene”

- Advertisement -

L’artista ha espresso il proprio talento per creare un murale di grande impatto emotivo ed estetico, sfruttando la sua capacità di raccontare storie e trasmettere emozioni attraverso il suo tratto distintivo, aggiungendo in fondo al dipinto una poesia di Impastato: ‘Bagno di sole e d’acqua salata. Pioggia di sguardi e vento di risa: il mare ne soffre in rivolta’. “Questo dipinto è un ritratto senza alcuna aggiunta, perché la faccia di Peppino basta per raccontare un ragazzo, un uomo che in un periodo storico assurdo per l’Italia, per la Sicilia, per Palermo, per Cinisi, ha avuto un coraggio incredibile, pagando la propria libertà di pensiero con la vita”

L'inaugurazione oggi alle ore 18 alla presenza delle autorità e della nipote di Peppino, Luisa Impastato

Il murale “C’è sempre suli a Vicari” è stato reso possibile grazie al sostegno attivo del Comune di Vicari e della Pro Loco, che hanno dimostrato un impegno costante nel preservare e promuovere l’identità culturale del territorio, e al patrocinio della Città Metropolitana di Palermo. Questa opera d’arte diventerà un punto di riferimento per residenti e visitatori, un luogo di incontro e di riflessione sulla memoria storica di Peppino Impastato e sulla lotta contro la mafia.

“È stato molto bello lavorare qui – afferma Scalisi Palminteri -. L’intuizione è stata dei ragazzi e delle ragazze della Pro Loco, che ci hanno fortemente voluto qui. E poi è stato molto bello l’incontro con il proprietario della parete della casa su cui ho dipinto, che mi ha detto: ‘Sul mio muro non può essere dipinto che Peppino Impastato'”.

Continua l’artista:Più volte ho chiesto a diversi comuni di dipingere Peppino Impastato, ma ho dovuto fare i conti con una sorta di pudore verso la figura di un uomo ribelle. Nessuno aveva avuto il coraggio, finora, di darmi il consenso. Qui è successo e questo mi ha commesso. Viva i Paesi, mi viene da dire. Mi piace ritornare a questa idea di ‘micropoli’ contrapposta alla metropoli. In questi piccoli comuni come Vicari, di 2600 abitanti circa, incontri gente che ha voglia di conoscersi, di partire dal proprio territorio e di immaginare una vita ancora piena di positività“.

“L’amministrazione comunale di Vicari – spiega il sindaco Antonio Miceli -, che mi onoro di rappresentare, si appresta ad inaugurare un murale dedicato a Peppino Impastato, all’interno della manifestazione Vicari street art Fest. Colgo l’occasione per sostenere l’importanza che riveste il percorso intellettuale di opera da strada, rappresentato, in questa occasione, nella trattazione di un argomento particolarmente importante per la nostra comunità, ‘Vicari nella legalità’, tema che costituisce una reale circostanza di sensibilizzazione e di altissimo valore culturale, soprattutto per i giovani”.

Anche la nipote di Peppino Impastato e figlia di suo fratello Giovanni, Luisa Impastato, ha espresso  soddisfazione per la realizzazione dell’opera: “Abbiamo accolto la notizia con emozione e con piacereafferma -, pensiamo che non sia assolutamente scontato che un’amministrazione di un comune della Sicilia, che ringraziamo, prenda un’iniziativa così importante nei confronti di Peppino Impastato. È bello che venga utilizzata l’arte come veicolo per raccontare la storia, le lotte ed il messaggio di Peppino, coerentemente con il suo percorso secondo cui la cultura e l’arte sono strumenti di impegno e di resistenza contro la mafia. Siamo felicissimi che a realizzare l’opera sia Igor Scalisi Palminteri a cui ci lega un rapporto di amicizia e che stimiamo tantissimo, con cui abbiamo già collaborato e di cui conosciamo la sensibilità rispetto a questi temi”.

- Ad -
spot_img

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie

spot_img

Twitter

spot_img