27.2 C
Palermo
25 Giugno 2024
dal MediterraneoSiciliaDialogo Interreligioso, contrasto all’islamofobia e attività solidali: la Moschea della Misericordia di...

Dialogo Interreligioso, contrasto all’islamofobia e attività solidali: la Moschea della Misericordia di Catania si racconta

Abdelhafid Kheit, Imam di Catania e presidente della Comunità Islamica in Sicilia, presenta il suo impegno nel territorio catanese all’insegna del dialogo, dell’impegno nelle scuole e dell’aiuto ai più bisognosi

Stefano Edward Puvanendrarajah
Stefano Edward Puvanendrarajah
Laureato in Comunicazione Pubblica, d’impresa e pubblicità presso l’Università di Palermo e digital marketing specialist. Racconta le realtà associative che si occupano del sociale in Sicilia e la vita quotidiana delle comunità migranti siciliane, utilizzando i nuovi media
spot_img


CATANIA. Una comunità che si impegna ,quella della moschea di Catania, nella promozione del dialogo interreligioso, nell’aiuto ai più bisognosi e nel contrasto all’islamofobia attraverso gli incontri nelle scuole e nei contesti istituzionali. È questa la storia della Moschea della Misericordia. Ci guida in questo viaggio Abdelhafid Kheit, Imam di Catania e presidente della Comunità Islamica in Sicilia.

La moschea di Catania come ponte tra le diverse identità culturali

La Moschea della Misericordia è considerata una delle più importanti del mezzogiorno d’Italia. Ubicata a Piazza Cutelli, nel quartiere Civita del centro storico di Catania, il luogo di culto rappresenta un ponte tra le diverse identità culturali che vedono in essa un punto di riferimento spirituale.
Abbiamo fedeli di diverse nazionalità tra cui senegalesi, marocchini, bengalesi, mauriziani – ci spiega Abdelhafid Kheit –. La posizione della Moschea, nel pieno centro della città, facilita il dialogo con il territorio”.

- Advertisement -

Il dialogo con le altre fedi e l’esperienza con le scuole

Un percorso istituzionale con le diversità religiose si protrae da oltre cinque anni. “Crediamo fortemente al dialogo con le altre fedi e facciamo questo percorso da tanti anni. La nostra Moschea fa anche parte del Coordinamento Religioni in Dialogo che da più di cinque anni ci fa ritrovare insieme alle altre fedi religiose a confrontarci insieme, una cosa molto importante per tutti noi“, precisa Abdelhafid Kheit.

Lavorare con le scuole per sensibilizzare il corpo docente e gli alunni sui temi del vivere comune, isolando l’odio e le paure nei confronti delle diversità in uno spirito di confronto dialogante. Questo è il modus operandi della comunità islamica nei luoghi dell’istruzione: “Noi abbiamo fatto tante iniziative con le scuole. Abbiamo fatto tanti incontri, sia come Comunità Islamica di Sicilia sia come Moschea della Misericordia, sia come Coordinamento Religioni in Dialogo. Abbiamo parlato e portato alle scuole catanesi la nostra esperienza e il nostro modo di vivere il dialogo“, spiega Abdelhafid Kheit.

- Advertisement -

Dalla moschea di Catania una mano tesa ai più bisognosi

Una forte attenzione è offerta alle persone in stato di necessità, senza distinzione alcuna, che possono fruire del servizio del Banco Alimentare, in collaborazione con le associazioni del territorio tra cui la Caritas. “Il Servizio del Banco alimentare, in collaborazione con altre associazioni territoriali tra cui la Caritas, è una attività che aiuta coloro che hanno determinate difficoltà economico-sociali, – dichiara Abdelhafid Kheit – un servizio che aiuta sia la gente del quartiere che i nostri fratelli“.

Le seconde generazioni

In questi ultimi anni si è parlato spesso, a livello mediatico, dei giovani delle seconde generazioni e il rapporto con l’Islam nella società europea. “Le seconde generazioni sono ben integrate. I miei due figli sono rappresentanti d’istituto e ciò conferma che non vi sono delle chiusure anzi vi è un assetto dialogante ed inclusivo anche per i giovani – sottolinea l’Imam Abdelhafid Kheit -. Noi siamo cercando di trasmettere ai nostri figli i nostri valori, la nostra fede, spetta a loro la scelta e quale futuro vogliono“.

- Ad-
spot_img

Ultime notizie

spot_img
spot_img

Romeo e Giulietta oggi: in scena R/G ai Cantieri della Zisa

Uno spettacolo che nasce da uno spazio di sperimentazione avviato all’interno del percorso laboratoriale con giovani cittadini italiani migranti di seconda generazione e persone in emergenza abitativa ospiti del Centro Diaconale La Noce-Valdese

Il Liberty, età dell’oro per Palermo: mostra a Palazzo Sant’Elia

Simbolo della mostra è la cosiddetta “pupa del Capo”. Il percorso espositivo va dal 1897, data dell’apertura del Teatro Massimo di Giovan Battista Filippo e di Ernesto Basile, fino al 1923 anno dell’ultimazione della costruzione del Cinema Massimo

Notte europea dei musei, siti aperti in Sicilia a un euro. Ecco l’elenco

Il 18 maggio, per l'occasione, visite guidate, mostre speciali, performance artistiche, laboratori per bambini e tanto altro
spot_img

Palermo, all’ospedale Cervello si cercano 500 nuovi donatori di sangue

I malati cronici accolti dalla struttura ospedaliera che necessitano di trasfusioni sono 300. L'appello: necessario abbattere i tempi di attesa

Da Caltanissetta una mano tesa alla Tunisia: l’impegno delle Caritas siciliane

Una delegazione tunisina, guidata dal vescovo emerito di Tunisi, ha incontrato i direttori delle 18 Caritas diocesane siciliane. Si è ragionato su come sostenere la presenza tunisina nell'Isola

Più utenti all’Asp per consumo di droghe, ma il ddl sulla prevenzione è fermo all’Ars

Il punto sullo stato delle cose nel corso della tavola rotonda su “Disagio giovanile e dipendenze” promossa dalla diocesi di Palermo. L'appello dell'arcivescovo Lorefice: "Indignarci e metterci insieme per fare crescere una sensibilità di impegno civile e sociale"