21.1 C
Palermo
mercoledì, 28 Settembre 2022
EditorialiLa lettera del Papa, i media e il nostro "grazie"

La lettera del Papa, i media e il nostro “grazie”

La redazione de "Il Mediterraneo 24" ringrazia il Pontefice per il messaggio ricevuto e le testate giornalistiche che hanno raccontato questo scambio

Filippo Passantino
Filippo Passantino
Giornalista professionista, laureato in Comunicazione per enti non profit all'Università La Sapienza di Roma. A servizio del progetto editoriale e sociale de "Il Mediterraneo 24"

Leggi anche

spot_img
spot_img
spot_img

PALERMO. Papa Francesco ci ha donato una gioia grande. La sua lettera ha offerto a ciascuno di noi una carica di entusiasmo e determinazione. Che si somma ai buoni sentimenti con cui abbiamo sviluppato questo progetto. E lo alimentiamo ogni giorno. Grazie, Santo Padre.

Grazie, perché le sue parole parlano “cuore a cuore”. E il nostro Papa Francesco lo ha conosciuto bene, leggendo la lettera che gli abbiamo inviato. Perché ha colto la nostra essenza: “i sogni”. “Il mondo ha bisogno di sognatori che siano capaci di fare concreti i loro sogni”, ci scrive il Papa. Con queste parole delinea perfettamente chi siamo e quello che cerchiamo di fare.

Il nostro sogno è nato nella condivisione tra amici con un comune sentire. Ha preso forma con la vittoria del contest “New Technology for Welfare Lab”, che ci ha permesso di assumere una configurazione, ci ha permesso di diventare impresa sociale. E si alimenta, giorno per giorno, articolo per articolo, lettura per lettura che riceviamo. Ma soprattutto con ogni volto e storia che incontriamo e raccontiamo. Le parole del Papa per noi sono un incoraggiamento prezioso ad andare avanti. E ci andremo avanti. Per mantenere una promessa, per seminare tutto ciò di buono che possiamo.

Un grazie sentiamo il dovere di rivolgerlo anche ai media, locali e nazionali, che hanno raccontato l’attenzione paterna che ci ha riservato Papa Francesco. Grazie al Giornale di Sicilia, all’agenzia SIR, a Famiglia Cristiana, alle agenzie Agi, La Presse, DIRE e AdnKronos, all’ufficio comunicazione dell’arcidiocesi di Palermo, che ha pubblicato la notizia sul proprio sito. I loro take e i loro articoli sono la testimonianza di un patto. Un impegno che vorremmo sviluppare nei prossimi anni in maniera più forte e ampia.

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie