6.4 C
Palermo
domenica, 23 Gennaio 2022
HomeIn SiciliaRiva SudMedArtSal, un progetto per gestire le saline nel Mediterraneo in modo sostenibile

MedArtSal, un progetto per gestire le saline nel Mediterraneo in modo sostenibile

Leggi anche

spot_img
spot_img
spot_img

Gestire le saline artigianali in maniera sostenibile e competitiva. Il progetto MedArtSal si rivolge ai manager delle saline e ai responsabili delle politiche istituzionali. L’attività principale è la formazione con alcuni obiettivi ben precisi: definire un modello di gestione, promuovendo la diversificazione dei prodotti e la loro commercializzazione. E, poi, la promozione delle saline, del turismo ecosostenibile, la conservazione della biodiversità. Si tratta di un progetto transfrontaliero tra Italia, Spagna, Libano e Tunisia, finanziato dall’Ue, iniziato nel novembre scorso. Capofila il Consorzio Universitario di Economia Industriale e Manageriale, tra i partner la Camera Tuniso-Italiana di Commercio e Industria (Ctici). Da una parte i manager delle saline, che riceveranno una formazione aggiornata su come gestirle per rimanere competitivi, dall’altra i responsabili delle politiche istituzionali, che aiuteranno a costruire il modello di gestione. Non mancheranno le prove sul campo. Le strategie approfondite saranno testate, infatti, in due saline artigianali in Spagna e Tunisia. Infine, verrà creata una rete di Saline mediterranee artigianali.

(ph. Yuri Testaverde)

Le saline in Tunisia. Sono numerosi i siti salini in Tunisia, con una valenza economica e naturalistica, ospitando una vasta gamma di specie animali e vegetali. Un esempio indicato dalla Camera di Commercio e Industria è quello delle saline di Thyna, nella regione di Sfax. La produzione annua di sale lì ammonta a 300.000 tonnellate. “La diversità dei bacini e il loro regolare approvvigionamento di acqua di mare creano condizioni di vita favorevoli per molti uccelli acquatici – spiega la Ctici -. Questo ecosistema artificiale rappresenta quindi un sito di grande importanza per gli uccelli acquatici migratori e sedentari, soprattutto durante lo svernamento e la nidificazione, che gli ha valso il riconoscimento di Area Importante per la Conservazione degli Uccelli e della Biodiversità (Zico)”. Ospiti più di 100 specie di uccelli in 33 famiglie, tra cui 80 specie svernanti. La densità può raggiungere i 100.000 uccelli, rendendo questa zona umida un luogo di svernamento mediterraneo. Tra le specie presenti insediate, il fenicottero rosa e l’avocetta. Recentemente, un’associazione, “Les Aventuriers”, ha sviluppato dei circuiti in bicicletta nella riserva naturale di Thyna, permettendo agli escursionisti di approfittare della bellezza dei luoghi e di ammirare da vicino la diversità degli uccelli che vi nidificano.

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie

spot_img

Restiamo in contatto!

Social

spot_img

Newsletter

*Campi Obbligatori
spot_img

Twitter