9.5 C
Palermo
domenica, 5 Dicembre 2021
HomeIn SiciliaSiciliaAttività produttive, 10 nuovi distretti in Sicilia. Riconosciuto il Distretto del vino

Attività produttive, 10 nuovi distretti in Sicilia. Riconosciuto il Distretto del vino

Tra le realità presenti nel nuovo Distretto del vino di Sicilia, c'è anche Kòrai - Territorio, Sviluppo e Cultura, cooperativa impresa sociale e gesto concreto del Progetto Policoro dell'arcidiocesi di Palermo

Leggi anche

spot_img
spot_img
spot_img

PALERMO. Si amplia la geografia dei distretti produttivi siciliani. Dieci nuovi distretti si aggiungono alla mappa delle filiere di imprese siciliane ad un anno e mezzo dalla ripartenza del sistema riavviato dal governo Musumeci, dopo un lungo periodo di stallo. L’assessore regionale alle Attività produttive, Mimmo Turano, ha firmato i decreti di riconoscimento di dieci nuovi distretti produttivi che, sommati ai 13 rinnovati e riconosciuti nel luglio del 2020, fanno salire a 23 i distretti ufficialmente riconosciuti dalla Regione siciliana. I distretti produttivi, che videro la luce nel 2005, vennero istituiti dalla Regione con l’obiettivo di far lavorare le filiere produttive per sistemi integrati in grado di darsi una programmazione a livello territoriale sostenuti da fondi specifici.

Quali sono i dieci nuovi distretti produttivi

Questi i 10 nuovi distretti: il Distretto delle Ceramiche made in Sicily (Palermo), il Distretto del marmo di Sicilia con sede a Custonaci (Tp), il Distretto del vino di Sicilia e quello Dolce Sicilia, entrambi con sede a Palermo, il Distretto olio extravergine di oliva siciliano e il Distretto olive da tavola siciliane, entrambi a Castelvetrano (Tp), il Distretto laniero siciliano a Cammarata (Ag), per la filiera turistica il Distretto Luxury hospitality (Palermo) e, infine, nel campo della ricerca e dell’innovazione tecnologica, il Distretto Sicilia 5.0 con sede a Catania e il Distretto Sicily Valley a Palermo. 
«Il distretto produttivo – sottolinea Turano – è espressione della capacità del sistema delle imprese e delle istituzioni locali di sviluppare una progettualità strategica che riguardi anche la nuova programmazione comunitaria».

Tra le realità presenti nel nuovo Distretto del vino di Sicilia, c’è anche Kòrai – Territorio, Sviluppo e Cultura, cooperativa impresa sociale e gesto concreto del Progetto Policoro dell’arcidiocesi di Palermo. «Nel nostro lavoro abbiamo sempre portato avanti il binomio ‘cultura e territorio’, credendo fermamente sia volano di sviluppo», si legge in un post su Facebook.
La seduta inaugurale della nuova Consulta dei Distretti produttivi si terrà a fine ottobre.

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie

spot_img

Restiamo in contatto!

Social

spot_img

Newsletter

*Campi Obbligatori
spot_img

Twitter