19.5 C
Palermo
giovedì, 6 Ottobre 2022
HomeIn SiciliaSiciliaAutismo, racconto di una serata illuminata di blu

Autismo, racconto di una serata illuminata di blu

Giornata sulla consapevolezza dell’autismo e lo spettacolo al teatro Politeama: un patto che fa comunità tra le famiglie e che abbatte il muro della solitudine

Leggi anche

spot_img
spot_img
spot_img

PALERMO. Una serata mondiale. È stato questo il motto che ha echeggiato più volte sul palco del teatro Politeama, illuminato di blu, durante lo spettacolo che ha celebrato la Giornata sulla consapevolezza dell’autismo. “Mondiale” perché tutto è stato elevato alla massima potenza: l’impegno degli organizzatori, l’entusiasmo del pubblico in un teatro colmo fino all’inverosimile e la gioia dei ragazzi che si sono esibiti, ricevendo apprezzamenti, sorrisi e una valanga di applausi. Presenti molte figure istituzionali, come il sindaco Leoluca Orlando che, a sorpresa, sul palco, ha consegnato la Tessera preziosa del mosaico a Rosi Pennino, presidente di ParlAutismo. “Palermo è un mosaico fatto di tante tessere di forme e colori diversi che devono vivere in armonia – ha dichiarato Orlando – Quando il sindaco individua una tessera preziosa le da un riconoscimento che è un modo per dirle ‘grazie e vai avanti’ e questa è la serata giusta per dare una tessera preziosa a Rosi Pennino e a tutte le associazioni che i occupano di autismo che si impegnano rappresentando speranze, sogni, rabbia e diritti di chi vive e vuole convivere con l’autismo”. Poi via allo spettacolo che si è alternato tra momenti istituzionali con la presenza del presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, Gianfranco Miccichè che ha patrocinato l’evento, insieme ai rappresentanti delle 24 associazioni che fanno rete con ParlAutismo. Sul palco anche Giovanni Randisi, Presidente del Cus Palermo che ha firmato, in diretta dal palco, un protocollo d’intesa con le associazioni, che consente l’accesso dei ragazzi speciali con una riduzione dei costi, agli impianti del Cus, per esercitare attività sportive. Tanta emozione e tante soddisfazioni perché oggi si raccolgono i frutti di lotte, battaglie e tanto impegno da parte di ParlAutismo e di tutte le associazioni che, da anni, sostengono i ragazzi con disabilità e le loro famiglie. A rallegrare i cuori e a fare sorridere anche tanti artisti: Lello Analfino che, seduto al pianoforte, ha cantato due brani, spargendo magia tra il pubblico. Il duo comico Matranga e Minafò e Ivan Fiore hanno donato sorrisi e fatto riflettere allo stesso momento con i loro interventi. Un’emozione forte vedere danzare accanto alla sua carrozzina Roberta Gandolfo che ha dato un lezione di vita a tutti quanti e ha dimostrato il suo talento danzando insieme a Federico Montemaggiore. E poi ancora la sfilata organizzata da Mythos Fashion District diretto da Flavia Pinello. I ragazzi e le ragazze del centro Abalù hanno indossato abiti e accessori di aziende siciliane e con i loro sorrisi e la loro energia hanno fatto esplodere di gioia il teatro. In platea tanti genitori e altri familiari che non avrebbero mai pensato un giorno di poter vedere i propri ragazzi sfilare son coraggio e determinazione dinanzi ad un pubblico di quella portata peraltro. Non importava se la posizione durante la sfilata non fosse proprio eretta o il passo fosse più o meno veloce, tutti erano abbagliati dalla luce e dall’energia che sprigionavano e dai loro sorrisi contagiosi. Sul palco anche la Piccola Accademia dei Talenti con Michele e Joihada nelle vesti di Romeo e Giulietta e infine il gruppo della capoeira. A danzare anche i ballerini della scuola Joseph and Dream di Giuseppe Di Michele, una compagnia teatrale con “Verona”, la recita dei piccoli studenti della Direzione Didattica di Capaci accompagnati dall’insegnante Elena Milone, gli studenti della scuola Cavallari, i piccoli alunni di alcune scuole paritarie. Un grazie anche al gruppo clown “Pensiamo in positivo” che hanno accolto e divertito i bambini prima dello spettacolo con musica e balli. “La Giornata Mondiale dell’Autismo, dopo due di assenza a causa della pandemia, è tornata finalmente in presenza – commenta Rosi Pennino – I nostri ragazzi hanno sfidato l’autismo sul palco del teatro Politeama in una serata ricca di avvenimenti, alla quale molti artisti hanno dato il proprio contributo, condivisa da tutta la città. Un patto che fa comunità tra le famiglie e che abbatte il muro della solitudine. Una serata che ci ha permesso di dire, insieme alle istituzioni, quanto è stato fatto e quanti sono ancora i diritti e i bisogni da tutelare delle persone con autismo”. Il direttore artistico Francesco Panasci ricorda la collaborazione tra Panastudio e ParlAutismo che esiste da quasi 13 anni. “Abbiamo lavorato per tanti anni anni insieme per portare alla luce di tutta la comunità italiana e non solo, visto che questa Giornata è riconosciuta a carattere mondiale, i bisogni e i diritti delle persone affette da autismo – dice Panasci – Il mio ruolo all’interno di questo consolidato progetto di divulgazione e di informazione della consapevolezza dell’autismo, è volta a dare un contributo anche di tipo artistico. Per questo sul palco abbiamo coinvolto l’amico Lello Analfino, il duo Matranga e Minafò che hanno dato colore alla serata e Ivan Fiore che più volte ha dimostrato grande sensibilità sui temi sociali. Ma i protagonisti della scena sono stati i ragazzi speciali che si sono esibiti dimostrando capacità e passioni”. Al termine dello spettacolo, infine, tutti si sono radunati fuori con le fiaccole in mano per illuminare la piazza di una luce forte che mostra le tante conquiste ottenute negli anni ma anche le carenze dei servizi e il mancato rispetto di alcuni diritti per i quali ancora bisogna lavorare tanto per dare alle persone con autismo una vita più bella e felice possibile.

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie