3.4 C
Palermo
mercoledì, 26 Gennaio 2022
HomeIn SiciliaSiciliaCaltanissetta, partita la vendemmia nel bene confiscato in agro di Montedoro

Caltanissetta, partita la vendemmia nel bene confiscato in agro di Montedoro

Leggi anche

spot_img
spot_img
spot_img

Si sta svolgendo la vendemmia di circa 90 quintali di uva a bacca nera, del genere nero d’avola, in un feudo confiscato alla mafia in Contrada Mulinello, in agro di Montedoro, a Caltanissetta. A effettuare le attività di raccolta la cooperativa sociale Verbumcaudo, formata da giovani del territorio, che sta valorizzando l’omonimo feudo confiscato alla mafia attraverso la messa in produzione di 151 ettari di terreni che vengono coltivati ad origano, pomodori e cereali. Le storie delle ragazze e dei ragazzi della cooperativa sono storie di giovani che stanno scegliendo di investire nell’entroterra siciliano. Tra loro, ingegneri, geologi, guide naturalistiche, agronomi, commercialisti e addetti alle lavorazioni agricole qualificati.
Il prefetto di Caltanissetta, Cosima Di Stani, intervenuta all’evento, ha ribadito come tale iniziativa rimarca come sia sempre possibile trasformare un luogo, già nella disponibilità della criminalità, in un avamposto di legalità. “Si torna al lavoro regolare, allo sviluppo economico del territorio, con la destinazione della produzione viticola a finalità sociali essendo gestita da associazioni ed enti della provincia nissena che si occupano di assistenza a soggetti meno abbienti”, si legge in una nota.
I terreni facevano parte del patrimonio dei fratelli della famiglia mafiosa di Montedoro, Gaetano Falcone, di 75 anni, e Nicolò, deceduto il 15 giugno 2019. Complessivamente il patrimonio confiscato è costituito da 5 aziende agricole e 87 immobili (tra fabbricati e terreni), nonché da numerosi rapporti bancari, per un valore complessivo di oltre 2 milioni e mezzo di euro. Presenti all’evento anche il colonnello dell’Arma dei carabinieri Baldassare Daidone, il colonnello della Direzione investigativa antimafia Emanuele Licari, i sindaci di Montedoro, Bompensiere, Marianopoli, Milena e Acquaviva Platani, i rappresentanti dell’Agenzia nazionale dei beni confiscati alla mafia sede di Reggio Calabria e il coadiutore dell’Agenzia stessa, Labarbera, il presidente delle Confcooperative Maurizio Nicosia (insieme a numerosi rappresentanti dell’assoociazione) e il presidente della cooperativa sociale Verbumcaudo.

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie

spot_img

Restiamo in contatto!

Social

spot_img

Newsletter

*Campi Obbligatori
spot_img

Twitter