21.1 C
Palermo
mercoledì, 28 Settembre 2022
HomeIn SiciliaSiciliaDa Palermo a Kiev per riportare la figlia a casa: l'appello di Elena Pastux

Da Palermo a Kiev per riportare la figlia a casa: l’appello di Elena Pastux

La donna ucraina vive nel capoluogo siciliano da anni. Prima dell’assedio al Paese, è partita assieme alla piccola Elisa con grave disabilità per portar via l’altra sua figlia dalla capitale dell’Ucraina. Ma la situazione è precipitata dopo l’invasione da parte della Russia. E adesso chiede aiuto per tornare in Sicilia

Alice Marchese
Alice Marchese
Classe 1998, giornalista pubblicista, laureata in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali. Racconta storie di giovani migranti, donne e progetti che vedono protagonista la Sicilia e non solo. Scrive anche per altre testate online

Leggi anche

spot_img
spot_img
spot_img

PALERMO. “Ci hanno detto di mettere del cartone alle finestre per evitare di restare feriti dai vetri rotti dalle esplosioni”. Queste sono parole pronunciate da Elena Pastux, donna ucraina che vive a Palermo da anni. La guerra tra Russia e Ucraina terrorizza il mondo intero; Mamma di due bambine, Elena ha deciso di partire per Kiev per portar una delle due rimasta lì, ma immediatamente tutto questo si è trasformato in un incubo di cui non si conosce la fine: “Ero venuta a Kiev per portare via mia figlia, ora siamo bloccate qui e non possiamo tornare in Italia”, ha raccontato la donna. Al suo fianco, l’altra sua figlia Elisa, una bambina con grave disabilità, frequenta la scuola primaria presso l’ICS Perez – Madre Teresa di Calcutta nel capoluogo siciliano.

Siamo io, mia figlia di 23 anni ed Elisa di 8 anni disabile. Stamattina in città i russi hanno bombardato la zona vicino all’aeroporto – racconta la donna –. Sentiamo continuamente le sirene d’allarme suonare e abbiamo paura. Siamo andati a comprare qualcosa da mangiare, c’è folla ovunque. Negozi e farmacie sono prese d’assalto. Ci sono macchine in coda per mettere benzina. E per strada si vede tanta gente con le valigie che cerca di scappare”.

Kiev sotto assedio e l’appello in tv di Elena Pastux

L’incertezza porta i Paesi a brancolare nel buio, ma far sentire la propria voce lanciando un appello affinché si metta un punto a tutto questo è un primo passo salvifico. Così come ha fatto Elena Pastux che in collegamento con Pomeriggio Cinque, trasmissione su Canale 5 condotta da Barbara D’Urso, ha portato la propria testimonianza rivolgendosi alle autorità per fuggire da Kiev sotto assedio.
Stamattina ci siamo svegliati con le bombe – ha detto la donna ucraina, piangendo –. Abbiamo chiamato l’ambasciata italiana e ci ha detto che ora non possiamo fare niente, se non restare in casa o al massimo tentare di fuggire via terra arrivando in Ungheria, ma per me è difficile una delle mie figlie è disabile”.

Elena, infine, ha detto: “Saremmo dovute rientrare il prossimo 3 marzo e ora non sappiamo come fare. Ci hanno detto di mettere del cartone alle finestre per evitare di restare feriti dai vetri rotti dalle esplosioni. Le valigie sono pronte – continua – e stiamo cercando il modo di raggiungere la frontiera con l’Ungheria da dove poi possiamo prendere un aereo per arrivare in Italia, ma non è facile nella nostra situazione”.

La vicinanza della scuola Perez – Madre Teresa di Calcutta

Mentre Kiev è sotto assedio, la piccola Elisa si trova assieme alla madre. La terribile notizia ha destabilizzato la scuola di Palermo che la piccola frequenta; la dirigente scolastica della scuola Grazia Pappalardo esprime la sua più profonda vicinanza. “Chiediamo ai soggetti competenti in materia e a quanti sono nelle possibilità di farlo di adoperarsi perché la bambina insieme alla mamma e alla sorella rientri al più presto a Palermo per poter riprendere la sua vita normale sottraendola al pericolo e risparmiandole disagi e sofferenze che per lei è più difficile affrontare”.

La testimonianza di chi conosce la piccola Elisa

Elisa e la sua famiglia sono scolpite nel cuore di tutti; Valeria Zinna che lo scorso anno è stata la sua operatrice specializzata, sollecita il Paese nel trovare una soluzione che possa riportarle al sicuro.

Ho avuto la fortuna di conoscere Elisa e la sua famiglia. La piccola ha diverse patologie che richiedono attenzioni e cure particolari. È necessario fare qualcosa e aiutare la famiglia a rientrare al più presto. La vita è stata già dura con questa famiglia, occorre intervenire al più presto e trovare una soluzione. Facciamo in modo che le sofferenze già pesanti di questa bambina non siano ulteriormente aggravate da questa drammatica situazione”.

L’appello di Elena

Elena lancia un appello a chiunque possa aiutarla. “Abbiamo contattato l’ambasciata italiana a Kiev ma ci hanno detto che non possono aiutarci consigliandoci di restare a casa. Io mi trovo in un appartamento all’ottavo piano e mia figlia piccola è nel passeggino, è disabile e non cammina. Se la situazione dovesse precipitare dobbiamo scappare e raggiungere il rifugio antiaereo, in città ce ne sono diversi“.

Un “orrore indicibile” quello a cui stiamo assistendo. Queste dinamiche tendono a farci sentire impotenti, soprattutto dopo aver avuto la conferma che questo conflitto si sia ufficialmente concretizzato. È un appello affinché la sicurezza di questa famiglia così come quella di civili, innocenti, venga preservata, sperando che questa guerra che non conosce confini possa volgere al termine.

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie