10.3 C
Palermo
giovedì, 2 Febbraio 2023
HomeIn SiciliaSiciliaLo Sperone si illumina di colori: inaugurato il murale di Medianeras

Lo Sperone si illumina di colori: inaugurato il murale di Medianeras

In occasione delle Vie dei Tesori, sabato scorso è stato inaugurato il murale di Medianeras, la seconda opera dell'alleanza creativa tra Sperone 167 e l’ICS Stomeo-Zimbalo di Lecce

Alice Marchese
Alice Marchese
Classe 1998, giornalista pubblicista, laureata in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali. Racconta storie di giovani migranti, donne e progetti che vedono protagonista la Sicilia e non solo. Scrive anche per altre testate online

Leggi anche

spot_img
spot_img

PALERMO. “Renzo Piano durante l’inaugurazione del ponte di Genova ha detto che non bisogna costruire muri, ma ponti. Noi i muri non li costruiamo, piuttosto li dipingiamo”. Il quartiere Sperone, illuminato da luci e colori intensissimi, è stato per la prima volta tra le mete da visitare durante Le Vie dei Tesori e Antonella Di Bartolo, dirigente dell’ICS Sperone-Pertini, racconta quanto sia stato significativo questo passo. Voler conferire allo Sperone una narrazione lontana dai fatti di cronaca negativi che l’hanno visto spesso protagonista e dare credibilità culturale e sociale è stato fondamentale per la storia di questa periferia palermitana. Sabato scorso, 22 ottobre, è stata una giornata di festa con diversi appuntamenti a conclusione di un percorso artistico volto alla sensibilizzazione su temi attuali e all’inaugurazione del murale.

L’inaugurazione del Murale di Medianeras

Il murale è di Medianeras, artiste argentine contattate dall’alleanza creativa Sperone 167 e invitate alla realizzazione di quest’opera d’arte che racchiude il senso di movimento, ma anche di forza e fragilità contemporaneamente. È fondamentale accettare che tutto non sia statico, ma anche la propria vulnerabilità al cambiamento. È da lì che si scatena una tensione inarrestabile e un coraggio che è proprio dell’essere umano che non vuole sconfiggersi.

L’inaugurazione si è tenuta sabato scorso e grazie a questo evento sono entrati a far parte dell’alleanza creativa Sperone 167. I primi motori, nel marzo 2022, sono stati: Igor Scalisi Palminteri, Afea art & rooms e Chekos. Subito dopo, vi hanno aderito: l’istituto comprensivo Sperone-Pertini, Caparol, Federalberghi Palermo, Shot, Davide Currao, Odd, l’arte di crescere odv, A casa di amici, Al Reves Sartoria sociale, Day tour Sicily, Palermo guide tour, l’ufficio stampa Rosa Di Stefano, Giulia Briguglia, Yolk, Circ’opificio, Hotel Porta felice, 167/ b street, I.c.s. Stomeo – Zimbalo, Bfake, Dario Castiglione, Gaspare Monte, Travel on art, Antonio Carlotta, Giulia Anselmo. Non ci sono finanziamenti pubblici, è crowdfunding.

Questo è un vero e proprio progetto di gemellaggio tra artisti, quartieri e scuole, ICS Sperone Pertini e ICS Stomeo-Zimbalo di Lecce ed è il motivo per cui la preside, Antonella Di Bartolo, racconta perché hanno scelto proprio loro. “Abbiamo deciso di contattare le Medianeras che avevano fatto un murales a Lecce che si chiama Transition come abbattimento di stereotipi di genere”.

La voce dello Sperone si è fatta sentire soprattutto durante il discorso pronunciato in occasione dell’evento. A turno i componenti di Sperone 167 hanno reclamato i propri diritti che ancora oggi non vengono riconosciuti come il diritto all’infanzia, al paesaggio, alla bellezza. “Non siamo solo la comunità dello Sperone. Noi siamo Palermo”.

Le artiste Medianeras

Lo Sperone illuminato dall’arte

A precedere l’inaugurazione, alcuni laboratori. In particolare, quello di Massimo Sirelli sulla nuova vita dei materiali di scarto o il laboratorio di sole mamme senza i bimbi, affinché potessero dedicarsi a se stesse realizzando delle vere e proprie opere d’arte, di Demetrio Di Grado. Verrà allestita una mostra per l’occasione. Ovviamente non è mancata la terza passeggiata dedicata alle Vie dei Tesori per andare alla scoperta dei suoi murales. La sera ad illuminare il palco è stata la Rappresentante di Lista che ha incantato il quartiere sulle note di “Resistere”, a seguire gli Shakalab e immancabile la musica di sottofondo di Odd Agency durante l’inaugurazione del murale.

Leggi anche

spot_img
spot_img