9.5 C
Palermo
domenica, 5 Dicembre 2021
HomeIn SiciliaSiciliaManifesto di Palermo sulle Migrazioni: primo atto con il sit-in "Porti aperti, città accoglienti"

Manifesto di Palermo sulle Migrazioni: primo atto con il sit-in “Porti aperti, città accoglienti”

L'evento in collegamento con altre città italiane (Genova, Trieste e, da confermare, Lampedusa). Si prevede che una delegazione consegni simbolicamente una copia del Manifesto ai rappresentanti dei Comuni riuniti al loggiato San Bartolomeo per l'evento internazionale "From the Sea to the City"

Leggi anche

spot_img
spot_img
spot_img

PALERMO. Sono più di 60 le associazioni, ONG, gruppi e collettivi della società civile che hanno sottoscritto il “Manifesto di Palermo sulle migrazioni” da cui prende il via la campagna presentata in occasione dell’evento internazionale From the Sea to the City. Come primo passo della campagna, la rete della società civile vuole “mostrarsi vicina a tutti coloro che operano per i difendere i diritti umani, informare e salvare vite e per questo vengono osteggiati e criminalizzati”, “ribadire le richieste rivolte alle Istituzioni nazionali ed europee, in particolare quelle di una missione search and rescue europea nel Mediterraneo, di canali legali d’accesso e di corridoi umanitari e quindi di una radicale modifica delle attuali politiche europee di chiusura, militarizzazione ed esternalizzazione delle frontiere”. #siamoinaltomare evidenzia la distanza della realtà dal raggiungimento di questi obiettivi, ma anche il presidio costante della società civile a supporto di chi, in alto mare, continua a salvare vite umane.

La presentazione del manifesto a Palermo

A Palermo, l’appuntamento è per venerdì 25 giugno dalle 16:30 alle 19:30 alla Cala con il sit-in “Porti aperti, città accoglienti”, davanti il porticciolo della Guardia Costiera a pochi passi dalla SEA-EYE-4 (ennesima nave di soccorso in mare bloccata amministrativamente in porto) e dal loggiato San Bartolomeo (dove municipalità europee aperte e solidali si incontrano per provare a “scardinare” le logiche securitarie alla base della non-gestione dei flussi migratori). Verrà presentato il Manifesto ma non solo: si alterneranno interventi delle associazioni della rete, delle ONG che operano soccorso in mare, dell’equipaggio della Sea-Eye (da confermare), momenti con le percussioni e spazi di condivisione e coinvolgimento. L’evento sarà trasmesso anche in diretta Facebook e in collegamento con altre città italiane (Genova, Trieste e, da confermare, Lampedusa), creando ponti connessi da esperienze simili (a partire, purtroppo, dalla criminalizzazione della solidarietà). Si prevede che una delegazione consegni simbolicamente una copia del Manifesto ai rappresentanti dei Comuni riuniti al loggiato San Bartolomeo per l’evento internazionale From the Sea to the City (https://fromseatocity.eu/) cui la rete parteciperà online il giorno successivo, sabato 26 giugno, all’interno della Networking Session.

Quali organizzazioni hanno aderito al manifesto e alla campagna?

Hanno aderito al Manifesto e alla campagna (al 22/06/2021):
Forum Antirazzista Palermo, Watch the Med – Alarm Phone, Sea Watch, Mediterranea Saving Humans, Salvamento Maritimo Humanitario, ADIF, CISS, Amnesty International – Sicilia, borderline-europe, Open Arms – Italia, ResQ – People Saving People, Medici Senza Frontiere, INTERSOS Organizzazione Umanitaria Onlus, Basta Violenza alle Frontiere, Josi & Loni Project, Green Italia, Razzismo brutta storia, Islamic Human Rights Commission, Borderline Sicilia, Legambiente Sicilia, Forum Lampedusa Solidale, CESIE, PRISM Impresa sociale, CEIPES, Gambian Association – Palermo, Nio Far associazione giovani senegalesi, Ikenga, Giocherenda, Moltivolti, Centro Diaconale “La Noce” Istituto Valdese, Refugees Welcome Italia – Palermo, Arte Migrante Palermo, Linea d’Ombra, Comitato Antirazzista Cobas, Cobas Scuola Palermo, CGIL – Palermo, Banca Etica – GIT Sicilia Ovest, Grupo de Estudios en de (In) Movilidades y Territorios – del Intituto de Investigaciones Históricas y Sociales de la Universidad nacional de la Patagonia (Argentina), Legambiente Palermo, Ecomuseo Mare Memoria Viva, booq, Diaria, ARCI Palermo, ARCI Porco Rosso, Bocs Aps, Laboratorio Andrea Ballarò, Laici Comboniani Palermo La Zattera, Missionari Comboniani Palermo, Centro Salesiano Santa Chiara – Palermo, Comitato di base No MUOS – Palermo, Emmaus Palermo odv, Per il Pane e le Rose, Rete Anticoloniale Siciliana, Centro Impastato – No mafia Memorial, Rete Antirazzista Catanese, TrinArt, Associazione antimafie Rita Atria, Presidio Libera di Lucca.

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie

spot_img

Restiamo in contatto!

Social

spot_img

Newsletter

*Campi Obbligatori
spot_img

Twitter