20.1 C
Palermo
lunedì, 26 Settembre 2022
HomeIn SiciliaSiciliaSettimana contro il razzismo, le iniziative a Palermo

Settimana contro il razzismo, le iniziative a Palermo

Le realtà associative organizzano un calendario ricco di iniziative per sensibilizzare la città al rispetto delle diversità culturali e alla prevenzione di fenomeni di questo genere

Stefano Edward Puvanendrarajah
Stefano Edward Puvanendrarajah
Laureato in comunicazione pubblica d'impresa e pubblicità presso l'Università di Palermo, è attivista dei diritti umani con esperienze pregresse di rappresentanza politica e sociale della comunità tamil palermitana

Leggi anche

spot_img
spot_img
spot_img

PALERMO. Prevenire il fenomeno del razzismo attraverso un calendario di iniziative che coinvolgeranno le diverse realtà associative impegnate attivamente nel territorio palermitano. Due differenti calendari presentano workshop, incontri e attività ludiche anche in altre località siciliane, nella Settimana di azione contro il razzismo.

Mete e Ciss: l’uguaglianza globale e le differenze socio-culturali attraverso l’abito

Mete Onlus in partnerariato con CISS ong e con il patrocinio  dell’Assemblea regionale siciliana, dei Comuni di Augusta, Palermo e Partanna, organizza delle attività al via fa oggi, 15 marzo, al 21 marzo, con l’obiettivo di intervenire nel multiculturalismo, integrazione sociale, educazione attraverso un unico elemento: l’abito. Un percorso di buone pratiche, attività teatrali, sartoriali, culturali sportive e divulgative. Le attività saranno sia in presenza che online. Il progetto è stato ammesso alla “XVIII Settimana di Azione contro il Razzismo” promossa con Avviso Pubblico dall’UNAR – Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per le Pari Opportunità, Ufficio per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza o sull’origine etnica. Ecco il calendario degli appuntamenti.

Un copricapo multietnico (Ph. Ciss)

15 marzo: attività laboratoriali di realizzazione di copricapi multietnici presso  “La Casa della Cooperazione” che saranno svolte da Cristina De Simone. Le attività proseguiranno il giorno successivo e sono aperte a tutti.

16 marzo: workshop dal titolo “Verso una società inclusiva: valorizzare le diversità e le emozioni” di Barbara Galli in collegamento online con l’istituto comprensivo “Luigi Capuana di Santa Ninfa” (Tp)
Alle 21, a Palermo, spettacolo teatrale “Oltre il Velo” di Preziosa Salatino, che si svolgerà presso il Teatro Atlante di Palermo.

17 marzo: Conferenza online dalla pagina Fb di Mete sul tema. Tra gli interventi vi saranno Rose Roseline Eguabor (Operatrice CISS Ong e Presidente Al Revès), Nicolay Catania (Presidente ONG Accademia Psicologia Applicata), Silvia Amato Petragnani (designer Grafica e Founder EticaWeb), Sofia Abad (Linguista e Founder AS Translation Services). Modera: Giorgia Butera (Presidente Mete Onlus). Sarà presentato il breve saggio socio-antropologico sull’abito, quale codice linguistico, della Butera.

19 marzo: Triangolare di calcio juniores solidale al campetto del “Centro Padre Nostro” fondato dal beato Pino Puglisi. Il triangolare, realizzato grazie alla donazione del materiale sportivo da parte del Palermo F.C., è dedicato ad Iliya, il 15enne morto mentre stava giocando a calcio nella sua città Mariupol, ucciso dai bombardamenti in corso sull’Ucraina.

20 marzo: Conferenza online dalla pagina FB di Mete, sarà presentato Video-Racconto di Ous Drammeh, in ricordo di Amadou Moussa Baldé. Interverrano: Giorgia Butera (Presidente Mete Onlus), Pasqua De Candia (Operatrice CISS Ong), Dana Jonas (Volontaria Mete Onlus), Petra Plötz (Attivista Umanitaria e Linguista). Modera: la giornalista Germana Zuffanti.

21 marzo:  Conferenza di Chiusura a Palazzo delle Aquile. Interverranno: Leoluca Orlando (Sindaco di Palermo), Francesco Campagna (Console Onorario del Ghana per Sicilia e Calabria), Ibrahim Kobena (Presidente Consulta delle Culture – Città di Palermo), Margherita Maniscalco (Operatrice CISS Ong), Nadine Abdia (Consulta delle Culture), Emma Conti (studentessa del Master di International Development presso l’Università di Amsterdam). Modera: Giorgia Butera, che indosserà un abito realizzato da Lucrezia De Rosa, simbolo della Terra e dei suoi colori. Al termine della conferenza sarà possibile visitare la mostra del giornalista e fotoreporter Luca Pistone: “Abito: J’abite, je me bats pour human rights”.

Settimana Antirazzista e oltre

Al via da oggi anche un altro calendario di attività nell’ambito della Settimana di azione contro il razzismo promosso da: Moltivolti, CEIPES, Gambian Association, Forum Antirazzista Palermo, Our Voice, CESIE, CISS ong, Mediterranea Saving Humans, Stra vox, MCCJ, International Rescue Committee e Amnesty International gruppo Italia 044 Palermo. Le iniziative sono aperte al pubblico e non, sempre nel periodo che va dal 15 al 21 marzo. Ecco il programma:

15 marzo: alle 17, all’Ecomuseo Mare Memoria Viva ci sarà una iniziativa organizzata dal CESIE dal titolo: “Supporto psicosociale per chi opera nel mondo delle migrazioni: sfide e possibili soluzioni. Discussione e confronto sulle condizioni di lavoro e lo stress psicosociale che operatrici/operatori, attiviste/i, volontari possono vivere nelle proprie pratiche”;

16 marzo: alle 19, nella parrocchia Santa Lucia a Borgo Vecchio si svolgerà l’iniziativa dal titolo: “Africa non solo pandemia”, incontro con padre Giulio Albanese, giornalista e missionario, organizzato dai Missionari Comboniani di Palermo;

17 marzo: alle 18.30, in via Monfenera 134, si terrà l’evento: “Il gioco che unisce. Laboratorio di sperimentazione attiva sulle dinamiche, gli eventi e le azioni che gravitano attorno al fenomeno delle migrazioni. Dal search and rescue ai processi di inclusione e integrazione e l’importanza di fare rete”. A organizzarlo Mediterranea Saving Humans Palermo;

19 marzo: dalle 11, ai Quattro Canti vi sarà l’iniziativa “Non sono razzista ma…”. Attivisti e cittadini affrontano e approfondiscono, con interventi, attività, giochi, musica e testimonianze, vari temi legati al razzismo (cittadinanza, linguaggio, discriminazioni, confini,…) L’iniziativa è organizzata da Forum Antirazzista, Moltivolti, StraVox, Mediterranea Saving Humans Palermo, OurVoice, associazione Gambiana a Palermo, Amnesty International gruppo 44, CESIE, CEIPES, International , Rescue Comittee, Missionari Comboniani Palermo e CISS.

21 marzo: due iniziative alla libreria Feltrinelli di Palermo con due orari: alle 17, Progetto @Increlibrile: laboratorio di lettura di albi illustrati inclusivi, strumenti importantissimi per combattere stereotipi che si subiscono e interiorizzano o si agiscono fin da piccoli, con attività di elaborazione creativa, per bambini dai 3 ai 6 anni; alle 18.30, l’iniziativa dal titolo “Educhiamoci alle differenze!”: un laboratorio di sperimentazione interculturale, condotto da facilitatori afro-discendenti e autoctoni, per esplorare gli shock culturali che si sperimentano nell’incontro con l’altro e i disorientamenti tipici di chi si muove in territori dai riferimenti culturali non noti, per conoscersi tra persone arrivate da poco in Italia e che ci sono nate. Dai 15 anni. Le due attività sono organizzate da Forum Antirazzista Palermo, CISS, Moltivolti, Mediterranea Saving Humans Palermo, StraVox, associazione dei Gambiani a Palermo

31 marzo: dalle 9 alle 13 nella sede CEIPES vi sarà l’iniziativa dal titolo “CEIPESCAPE RACISM – Scappa dagli Stereotipi”: un gioco di fuga simulato (Escape Room a tema) ed una serie di laboratori musico-teatrali Organizzato da CEIPES

Seguono infine una mostra fotografica nella parrocchia Santa Lucia di Palermo nel quartiere di Borgo Vecchio che sarà aperta dal 16 al 21 marzo dalle 8.30 alle 18.00 dal titolo “l’accoglienza fa bene: scardinare i luoghi comuni che opprimono le persone e comunità migranti”. A organizzarla, i Missionari Comboniani.

Le realtà partecipanti faranno degli incontri sul tema del razzismo con le scuole Endo-Fap, Don Orione e Liceo Catalano e con gli studenti e le studentesse del corso di laurea di sociologia dei processi culturali del corso di studio in servizio sociale presso l’Università degli studi di Palermo. Quest’ultime attività non sono aperti al pubblico.

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie