17.5 C
Palermo
martedì, 16 Aprile 2024
HomeStorie di vitaIl tenore si sente male. Così l'arrivo di Rosolino Cardile ha "salvato" Madama Butterfly al Teatro Massimo

Il tenore si sente male. Così l’arrivo di Rosolino Cardile ha “salvato” Madama Butterfly al Teatro Massimo

Il cantante lirico racconta questa esperienza: "Stavo per andare a cena con amici, quando è arrivata la chiamata. Da Cinisi di corsa a Palermo ed è stato un successo"

Benedetto Frontini
Benedetto Frontini
Perito elettronico, con una formazione in ingegneria elettronica. Ha lavorato nel mondo della televisione privata come tecnico e operatore. Nel 1984 l'approdo a TGS. Per il Giornale di Sicilia ha seguito il passaggio tecnologico. Dal luglio 2020 si dedica a tempo pieno alla famiglia e alla sua grande passione di videomaker, anche per "Il Mediterraneo 24"
spot_img
  • arietegemelli width=cancro
    leoneverginebilanciascorpione
    sagittariocapricornoacquariopesci
spot_img

PALERMO. Teatro Massimo, messa in scena di “Madama Butterfly”. Ivan Macrì, il tenore che interpretava il protagonista Pinkerton, ha accusato un malore che lo ha costretto a rinunciare allo spettacolo. Al suo posto è subentrato Rosolino Cardile, tenore 36enne di Cinisi, salvando la messa in scena. Una telefonata ha cambiato i suoi programmi. Era a casa, si stava preparando per andare a una cena con gli amici, quando lo ha chiamato il responsabile della direzione artistica.

La passione per il canto è nata a 19 anni. Sono stato scritturato al Teatro Massimo per la produzione di Rigoletto. Ma verso la fine mi chiedono di fare delle prove di regia perché i tenori non erano presenti alle prove perché conoscevo il ruol di Batterfly – racconta -. Quindi ho partecipato per una settimana e mezzo. Pinkerton che è il tenore canta nel primo e nel terzo atto. Quel sabato non dovevo esserci, ero impegnato con amici e mi stavo organizzando per uscire quando mi è arrivata la chiamata dal Teatro. Ho dato la mia disponibilità. Siccome il ruolo era pronto, sono arrivato in macchina in teatro. Nonostante il traffico, arrivato in teatro, sono andato subito sul palco. La tensione la sentivo dalla telefonata fino a quando sono arrivato sul palco. Lì è andata via, mi sono concentrato solo a cantare. Mi sono calato nel personaggio e sono entrato nella storia. Tra secondo e terzo atto è stato fatto l’annuncio che per indisposizione del collega il ruolo veniva cantato da un altro tenore. Alla fine è stato un successo“.

spot_img

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie

spot_img

Twitter

spot_img