19.1 C
Palermo
giovedì, 13 Giugno 2024
HomeUn'aula senza confiniLa musica di 600 studenti per la chiusura di "Panormus. La scuola adotta la città"

La musica di 600 studenti per la chiusura di “Panormus. La scuola adotta la città”

Il progetto del Comune di Palermo, nato nel 1994, e quest'anno dedicato ai 400 anni del ritrovamento delle spoglie di Santa Rosalia

Lilia Ricca
Lilia Ricca
Giornalista pubblicista, laureata in Comunicazione per le Culture e le Arti all'Università degli Studi di Palermo, con un master in Editoria e Produzione Musicale all'Università IULM di Milano. Si occupa di cultura, turismo e spettacoli per diverse testate online e da addetto stampa. Scrive di sociale per "Il Mediterraneo 24"
spot_img
  • arietegemelli width=cancro
    leoneverginebilanciascorpione
    sagittariocapricornoacquariopesci
spot_img
- Advertisement -

PALERMO. Seicento studenti sulla scalinata del Teatro Massimo per una mattinata di musica e festa: si conclude così la XXVIII edizione di «Panormus. La scuola adotta la città», il progetto del Comune di Palermo nato nel 1994 e quest’anno dedicato a Santa Rosalia in occasione del 400º anniversario del ritrovamento delle spoglie.

Nel corso della cerimonia, una delegazione di alunni e alunne di 13 istituti a indirizzo musicale ha riconsegnato simbolicamente le chiavi di Palermo al Sindaco Lagalla.

- Advertisement -

«Panormus è un progetto che lega la scuola alla città e che ne valorizza il patrimonio artistico, educando i ragazzi al senso civico attraverso la conoscenza e la protezione del territorio. Ho avuto modo di fare visita ad alcune tappe del progetto, dal centro alla periferia, convincendomi ancora una volta del grande valore etico e sociale che questa attività ha sugli studenti e sulle loro famiglie, grazie anche all’impegno dei docenti che ringrazio, così come gli uffici dell’assessorato all’Istruzione», ha commentato il Sindaco.

«Da tanti anni Panormus porta felicità e giovinezza musicale all’interno del Teatro Massimo. Gli studenti sono gli agenti del rinnovamento della società e per un’istituzione culturale come la nostra è importantissimo, oltre che un onore, dare spazio a questi giovani colleghi», ha aggiunto Marco Betta, Sovrintendente della Fondazione Teatro Massimo.

- Advertisement -

Durante tre fine settimana di maggio (3-5, 10-12 e 17-19) migliaia di studenti, dai piccolissimi della fascia 0-6 anni ai più grandi delle scuole superiori, hanno adottato 43 siti connessi al culto di Santa Rosalia: chiese, vicoli, musei, oratori, e ancora santuari, quadri, murales ed edicole votive.

«Anche questa XXVIII edizione è stata un successo», ha spiegato Aristide Tamajo, assessore all’Istruzione del Comune di Palermo. «Panormus è più di un semplice progetto: con trent’anni di storia è entrato nel cuore della comunità educativa e scolastica palermitana e oggi è il frutto del lavoro di docenti, alunni, dirigenti e naturalmente dei nostri uffici dell’assessorato Istruzione che ringrazio per avere dato vita a una manifestazione bellissima».

Panormus è un progetto organizzato interamente dall’Ufficio scuole dell’obbligo e contrasto alla dispersione scolastica del Comune di Palermo, guidato dalla dirigente Maria Giovanna Sparacino. Quest’anno alla realizzazione hanno collaborato la Curia e le diocesi, la Soprintendenza ai beni culturali regione Sicilia, la Fondazione Teatro Massimo, l’assessorato comunale alla Cultura, l’Assessorato regionale Beni Culturali, la GAM, Civita, la Polizia municipale, l’Ufficio comunale mobilità e traffico, la Reset, la Rap, l’Ufficio comunale Ville e giardini, la Questura e la Prefettura.

- Ad -
spot_img

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie

spot_img

Twitter

spot_img