20.1 C
Palermo
lunedì, 26 Settembre 2022
HomeIn SiciliaSiciliaMigranti e salute. Da Palermo alla Grecia, gli scatti di Bellina

Migranti e salute. Da Palermo alla Grecia, gli scatti di Bellina

Le immagini del fotoreporter siciliano sono state esposte a Istanbul al meeting dell’Organizzazione Mondiale della Sanità

Lilia Ricca
Lilia Ricca
Giornalista pubblicista, laureata in Comunicazione per le Culture e le Arti all'Università degli Studi di Palermo, con un master in Editoria e Produzione Musicale all'Università IULM di Milano. Si occupa di cultura, turismo e spettacoli per diverse testate online e da addetto stampa. Scrive di sociale per "Il Mediterraneo 24"

Leggi anche

spot_img
spot_img
spot_img

PALERMO. Si è appena concluso a Istanbul il meeting dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per definire le attività strategiche per il 2022 in merito a migrazione e salute dove sono stati esposti alcuni scatti del fotoreporter siciliano Francesco Bellina realizzati tra Palermo e Francoforte, tra Sarajevo e Lesbo, in Grecia, per documentare alcuni momenti della pandemia in relazione alle difficoltà dei migranti.

Le foto di F. Bellina esposte al meeting a Istanbul

Contattato dall’Agenzia delle Nazioni Unite specializzata per le questioni sanitarie, Bellina si dice orgoglioso di avere documentato con i suoi scatti come soprattutto in Sicilia, a Palermo, la struttura per le vaccinazioni istituita dal commissario Renato Costa abbia fatto fronte alla vaccinazione senza lasciare indietro nessuno. Fondamentale l’apporto dell’OMS ma anche di tutte le associazioni e i singoli che si sono prodigati per arginare la pandemia.

Campagna vaccinale, Sarajevo (Foto di F. Bellina)

I più deboli, i migranti, le persone meno informate con meno strumenti a disposizione sono state raggiunte grazie al lavoro del Centro Astalli, che ha ospitato diverse vaccinazioni, dove è attivo tutto l’anno un ambulatorio che cura i migranti in modo gratuito. Punto di riferimento per Ballarò e per la città. O il lavoro di associazioni come Moltivolti, documentato da Bellina, che ha preparato dei pasti e distribuito beni di prima necessità ai bisognosi.

Campagna vaccinale, Palermo (Foto di F. Bellina)

“Ho visto tanta umanità tra i dirigenti, i medici e i mediatori in prima linea nella campagna di vaccinazione. Sono stato a Lesbo e Sarajevo nei campi profughi dove ho incontrato diverse situazioni di migranti come africani, pakistani, afgani e iracheni. Una migrante afgana, una signora molto grande di età era sulla sedia a rotelle. Con due bambini e il marito vivevano in una tenda di fronte al mare. Lesbo è un’isola e il campo è quasi sugli scogli. Mi ha scosso parecchio vedere le immagini di queste persone che dopo anni non hanno ancora una vita serena”, racconta il fotografo. A Francoforte un’associazione di africani del Ghana aiutava i pazienti e chi aveva bisogno di delucidazioni in materia di Covid.

Campagna vaccinale, Palermo (Foto di F. Bellina)

“Quello che voglio sottolineare con i miei scatti è come il migrante non è soltanto un soggetto passivo che beneficia di cure e attenzioni. Nel caso di Palermo ma anche nei campi profughi, i mediatori che erano dei migranti facevano le amnesi e aiutavano nella traduzione tra medici e pazienti. Migranti che hanno dato una mano durante questo brutto periodo.

Campagna vaccinale, Palermo (Foto di F. Bellina)

A Palermo ci sono delle storie meravigliose come quella di Dhaker, che lavora al Centro Astalli, un ragazzo tunisino, che fa qualsiasi cosa e non si ferma mai. Sempre sorridente e a disposizione. Durante le vaccinazioni ha fatto di tutto. O Camal, un ragazzo marocchino, che faceva da mediatore. Sono rimasto colpito dall’umanità che medici e dirigenti hanno avuto verso queste persone più fragili. Palermo come sempre dimostra la sua umanità. Non ci vogliono infrastrutture ma ci vuole tanta umanità come quella dimostrata in questo periodo”, conclude Francesco.

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie