9.5 C
Palermo
sabato, 4 Dicembre 2021
HomeCulturaMusica dal mondo a Castelbuono: dai ritmi di Capo Verde al talento filippino

Musica dal mondo a Castelbuono: dai ritmi di Capo Verde al talento filippino

Venerdì 25 giugno, alle 21, sul palco del Chiostro San Francesco protagonisti sono Jerusa Barros, Armand Curameng e Chris Obehi

Leggi anche

spot_img
spot_img
spot_img

CASTELBUONO. Si svolgerà venerdì 25 giugno, dalle 21, nel Chiostro San Francesco a Castelbuono la serata musicale “Musica dal mondo – Music from the world” che vedrà esibirsi sul palco del seicentesco complesso manumentale Jerusa Barros, Armand Curameng e Chris Obehi. Sarà il primo appuntamento dell’estate castelbuonese. Nel corso della serata Jerusa Barros e Armand Curameng duetteranno “Vivo per lei” mentre insieme a Chris Obehi chiuderanno l’appuntamento castelbuonese cantando “We are the world”.

Jerusa Barros, capoverdiana di nascita e palermitana di adozione, è una cantante e cantautrice che rappresenta con la sua esperienza artistica e biografica una sintesi perfetta fra l’Africa creola e il cuore del Mediterraneo. La sua musica è intrisa tanto dei colori e dei ritmi capoverdiani quanto del calore dei suoni mediterranei, dando vita a una formula del tutto nuova per la canzone d’autore italiana. Nell’autunno del 2015 è uscito il primo album: “Di un solo colore”. Dal 2010 è educatrice nella scuola materna paritaria a indirizzo artistico-musicale La Casa della Musica a Palermo. Operatrice musicale del metodo Musica in Culla dal 2005, si è dedicata alla propria formazione nell’ambito della prima infanzia. Insegna nelle classi di “Musica in culla”(fascia 0/3 anni) e di “Musigiokiamo” (fascia 4/5 anni) presso La Casa della Musica. Venerdì a Castelbuono si esibirà in “Capo Verde in musica” proponendo l’unione tra la cultura capoverdiana ,con le sue melodie, i suoi ritmi e le sue atmosfere, e la cultura mediterranea, attraverso armonie e ricerca di arrangiamenti suggestivi, che valorizzano le influenze che già esistono nella musica capoverdiana. Con la complicità del  chitarrista Fabrizio Malerba, la cantante propone una musica che “racconta”, attraversando luoghi vicini e lontani e creando quelle suggestive atmosfere che valorizzano i sentimenti.

Armand Curameng, è arrivato dalle Filippine in Italia nel 1998 all’età di 27 anni. I suoi genitori non erano musicisti, ha scoperto da solo il suo talento canoro e l’ha subito usato per racimolare qualche soldino cantando per strada, da bambino. Poi ha cominciato a partecipare a gare di canto per vincere i premi in palio, sempre in denaro. Crescendo è diventato insegnante di inglese nelle scuole elementari. Arrotondava lo stipendio facendo serate musicali nei locali della sua città nelle Filippine, ma allo stesso tempo cercava il modo di scappare via, di migliorare la propria condizione. Dopo una serie di vicissitudini si è trasferito a Palermo. Un palermitano con gli occhi a mandorla ha stregato giuria e pubblico nella sesta puntata di “The Voice of Italy 2016” in onda sui Rai2. Per il talent show intona “Crazy little thing called love” dei Queen. Bastano poche note ed Emis Killa e Raffaella Carrà si voltano: lo vogliono in squadra. La scelta cade sulla Carrà. “Corpo, voce, swing, divertimento”, così lo definisce la conduttrice che nei movimenti lo paragona ad Adriano Celentano: “Sei vicino a quello che cerco. Tu hai cantato con swing divertendoti molto. Ancor prima della sua partecipazione a Voice of Italy, ha già conquistato la scena musicale siciliana avendo tenuto numerosi concerti in molti locali e comuni per non parlare del Teatro Politeama e del Teatro al Massimo solo per citarne alcuni. Aveva fatto un album sotto la produzione di Pippo Esposito, che sarà presente a Castelbuono ad accompagnarlo alla tastiera, pubblicato da Papa Records. Attualmente sta realizzando il suo secondo album italiano sotto la produzione del napoletano Mattia Lauro, noto produttore di Rai Uno e sta promuovendo il suo singolo dal titolo “Life is Good”.

Chris Obehi, nome d’arte di Christopher Goddey, nasce in Nigeria nel 1998. Durante l’infanzia viene introdotto alla musica gospel e a quella reggae dalla famiglia. Impara a suonare il basso elettrico, il piano, la batteria e le percussioni. Nel 2015 fugge dal suo paese a causa delle persecuzioni religiose portate avanti da Boko Haram. Giunto prima in Libia, quindi a Lampedusa arriva a Palermo, dove stringe amicizie alle jam session facendosi notare come bassista. In Italia, apprende da autodidatta la chitarra: nel frattempo matura grande interesse per la musica tradizionale siciliana, imparando le canzoni di Rosa Balistreri; nell’inverno 2018 un video nel quale suona “Cu ti lu dissi” raggiunge nell’arco di tre settimane quasi un milione di visualizzazioni. Nel 2019 realizza più di 100 concerti, attraversando tutta la Sicilia e poi in Sardegna e in Lombardia, suonando e raccontando la propria storia per locali, associazioni, club, manifestazioni e festival: Lampedus’Amore, il memoriale di Peppino Impastato (Cinisi), Mondo Sounds Festival (San Vito Lo Capo), FestiValle (Agrigento) e Meeting Del Mare (Marina Di Camerota); partecipa al cast della prima dell’opera “Winter Journey” di Ludovico Einaudi al Teatro Massimo di Palermo. Nel dicembre 2019 vince la Targa Siae – Giovane Autore a “Musica  contro le Mafie”. Nel gennaio 2020 vince il XIX Premio Rosa Balistreri e Alberto Favara. Il primo album di Chris Obehi, uscito per 800A Records, si chiama “Obehi”, che in lingua Esan significa “mani d’angelo”. L’album è composto da canzoni in italiano, inglese, siciliano, Esan e Pidgin nigeriano.

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie

spot_img

Restiamo in contatto!

Social

spot_img

Newsletter

*Campi Obbligatori
spot_img

Twitter