19.8 C
Palermo
lunedì, 26 Settembre 2022
HomeCulturaVent'anni di MusicaMente, la nuova stagione dal 13 marzo al 22 novembre

Vent’anni di MusicaMente, la nuova stagione dal 13 marzo al 22 novembre

L’XI esima stagione, dal 13 marzo al 22 novembre, vede nomi d'eccezione del panorama barocco come Fabio Biondi, Enrico Onofri, Alfredo Bernardini ed Eduardo Eguez. Tra gli appuntamenti anche un omaggio a Santa Rosalia con lo spettacolo di Fabrizio Lupo con la ballerina Elisa Barucchieri.

Leggi anche

spot_img
spot_img
spot_img

PALERMO. L’associazione MusicaMente di Palermo quest’anno festeggia vent’anni dalla sua fondazione e si prepara ad una nuova stagione ricca di sorprese per il suo pubblico. 

Saranno in tutto 13 i concerti della XI esima stagione concertistica, che dal 13 marzo al 22 novembre, con orario di inizio alle 20.45, vedranno protagonisti nomi di spicco del panorama barocco internazionale con appuntamenti dislocati tra l’Oratorio di Santa Cita, l’Orto Botanico e Villa Magnisi a Palermo.

Ad inaugurare la rassegna dell’associazione MusicaMente, il 13 marzo, all’Oratorio di Santa Cita, sarà il violinista direttore d’orchestra palermitano Fabio Biondi che dedicherà un recital al suo maestro Salvatore Cicero, in occasione del 40esimo anniversario della sua scomparsa,  

L’evento, offerto alla città dallo stesso Fabio Biondi, che per l’occasione suonerà con il violino del suo maestro, un pezzo di Carlo Ferdinando Gagliano del 1766 messo a disposizione dalla famiglia di Cicero, sarà organizzato in collaborazione con gli Amici della Musica di Cefalù.  

Seguirà, il 27 marzo, sempre all’Oratorio di Santa Cita, il concerto di Alfredo Bernardini, uno dei più importanti oboisti e direttori d’orchestra dei nostri tempi, che si esibirà insieme all’Arianna Art Ensemble per un concerto dedicato ai compositori nati nel 1685, come Domenico Scarlatti, Johann Sebastian Bach e Georg Friedrich Händel.

 Il 28 aprile, all’Oratorio di Santa Cita, a condurre il pubblico in un viaggio tra Italia e Spagna saranno il liutista Paolo Rigano e la clavicembalista Cinzia Guarino, a dimostrazione che questi due strumenti, il liuto il clavicembalo, sono ancora oggi capaci di accompagnare dolcemente una lunga stagione del repertorio europeo da primo Seicento fino alla Palermo contemporanea.

Il 13 maggio, all’Oratorio di Santa Cita, sarà la volta del violinista russo Boris Begelman, che ha conseguito il master di violino barocco proprio al conservatorio di Palermo. Il violinista si esibirà insieme al clavicembalista Andrea Buccarella, vincitore del primo premio al prestigioso concorso internazionale di musica antica di Bruges. Il concerto sarà dedicato alle sonate per violino e clavicembalo di Johan Sebastian Bach.

In occasione del 400esimo anniversario dalla nascita del commediografo francese Molière, il 20 maggio a Villa Magnisi, andrà in scena lo spettacolo “Morceaux de Molière”, a cura di Adriana Rigano. Al centro dello spettacolo l’universo femminile come omaggio a colui che, più di tutti ha avuto una visione molto audace della libertà legata alla figura della donna. Le musiche dello spettacolo saranno di Jean Baptiste Lully e Marc-Antoine Charpentier, i principali compositori che hanno musicato le opere di Molière, e si alternano ai brani tratti dalle commedie principali del drammaturgo. In scena, tra gli altri, gli attori siciliani Cocò Gulotta, Elena Pistillo, Silvia Di Giovanna.

Il 5 giugno, all’Oratorio di Santa Cita, invece andrà in scena “L’Abbandonata, Omaggio a Penelope”, spettacolo che vedrà protagonisti l’Ensemble la Chimera, diretto daEduardo Eguez.  

Il 12 luglio, all’Orto Botanico di Palermo, in occasione dei festeggiamenti in onore della santa patrona della città di Palermo, Santa Rosalia, andrà in scena lo spettacolo intitolato “La Pellegrina”, un’opera contemporanea ispirata alla vita di Santa Rosalia, nata in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Palermo, con sceneggiatura di Fabrizio Lupo. In scena la danzatrice Elisa Barucchieri, una delle maggiori autrici e interpreti della scena contemporanea internazionale, insieme all’attore Maurizio Maiorana e il giovane soprano Martina Licari

Dopo la pausa estiva la stagione riprenderà il 22 settembre, all’Oratorio di Santa Cita,con il concerto intitolato “Zyrab”, eseguito dall’ensemble strumentale e vocale Antonio Il Verso.  

Il programma del concerto prevede l’esecuzione di musiche appartenenti sia alla tradizione ebraico sefardita che araba, e propone una panoramica musicale su un periodo storico, quello della permanenza araba nel mediterraneo, che vide convivere e influenzarsi reciprocamente cristiani, arabi ed ebrei, in uno straordinario laboratorio musicale dove il canto e la musica erano parte integrante della realtà quotidiana.

Il 7 ottobre, all’Oratorio di Santa Cita, il concerto dell’Ensemble vocale Ring Around, dal titolo “La musica leggera rinascimentale da Nord a Sud d’Italia”. Compongono il quartetto di voci composto da Vera Marenco (soprano), Manuela Litro (contralto), Umberto Bartolini (tenore) e Alberto Longhi (baritono). Il programma propone una scelta tra i più significativi esempi di entrambe le aree geografiche, frutto di un lavoro di ricerca sulle fonti originali: composizioni umoristiche, frizzanti e ironiche alternate ad altre di carattere maggiormente raffinato e lirico. A testimonianza che anche nel Cinquecento si ascoltava musica “leggera”, produzione all’epoca rappresentata nel Nord e Sud Italia da frottole e villanesche.

Il 17 ottobre, all’Oratorio di Santa Cita, concerto dell’Arianna Art Ensemble, per una serata all’insegna della viola d’amore, dell’oboe d’amore, della viola da gamba e del fagotto barocco. L’Arianna Art ensemble, infatti, eseguirà un repertorio dedicato ai compositori tedeschi come Georg Philipp Telemann, Johann Friedrich Fasch e Georg Bohm.

Il 27 ottobre, all’Oratorio di Santa Cita, protagonista l’Ensemble Orfeo Futuro con un concerto intitolato “Amada Esquina”, realizzato in occasione della Giornata del Rispetto della Diversità Culturale, che si festeggia in Argentina il 12 ottobre. Compongono l’ensemble Maximiliano Baños controtenore, Luciana Elizondo tenore, Rosita Ippolito viola, Gioacchino De Padova viola, Juan José Francione liuto e percussioni. 

Il 5 novembre, all’Oratorio di Santa Cita, il ritorno attesissimo del violinista Enrico Onofri, da poco nominato direttore della Filarmonica Toscanini di Parma e premiato con il “Diapason d’oro”, che dirigeràl’Arianna Art Ensembleper un programma che vede protagoniste opere di Giovanni Battista Sammartini, Antonio Sacchini, Wolfgang Amadeus Mozart e Franz J. Haydn. 

In scena il solista Alessandro Naselloche eseguirà il concerto di Mozart per fagotto e orchestra. 

Concluderà la stagioneil 22 novembre, all’Oratorio di Santa Cita, il clavicembalista e direttore d’orchestra palermitano Ignazio Maria Schifani con l’Oratorio di Alessandro Scarlatti “San Casimiro re di Polonia” interpretato dalle voci di Adriana Di Paola, Martina Licari, Debora Troia, Luca Dordolo e insieme all’Arianna Art Ensemble.

“Una stagione, quella di MusicaMente ancora più speciale perché si inserisce in un contesto di ritorno alla normalità dopo questi anni di pandemia, come una proposta di rinascita”spiega la presidente dell’associazione MusicaMente, Cinzia Guarino, che prosegue:“Il nostro direttore artistico, Paolo Rigano, in questa occasione importante, ha organizzato una stagione concertistica davvero straordinaria, che mostra una grande varietà di colori spaziando dalla musica della tradizione sefardita a quella contemporanea e che vede protagonisti grandi nomi del panorama internazionale e anche tanti artisti siciliani”conclude la Guarino.

“Abbiamo pensato di proporre quest’anno una stagione varia e con solisti di fama internazionale, in modo da attirare il pubblico che si è un po’ perso in questi anni di pandemia. La stagione prevede, oltre ai concerti di musica barocca di alta qualità, anche aperture verso la musica contemporanea e spettacoli  teatrali e multimediali, sperando di attirare l’interesse di un vasto pubblico”spiega il direttore artistico Paolo Rigano.

La campagna abbonamenti MusicaMente

In occasione della XI esima stagione concertistica dell’associazione MusicaMente di Palermo, vengono anche riproposte le formule di abbonamento. 

È stata prevista una formula di abbonamento all’intera stagione concertistica e due formule che prevedono un mini abbonamento per i concerti, da marzo a luglio, ed uno per quelli da settembre a novembre.  

I biglietti singoli, ma anche gli abbonamenti, potranno essere acquistati tramite una prenotazione online suwww.diyticket.it oppure allo 060406(anche inviando un messaggio via WhatsApp). 

Gli abbonamenti potranno essere pagati in tutti i punti Sisal Pay, oppure online con carta di credito o prepagata. 

Da quest’anno per la stagione MusicaMente è anche attiva la convenzione con la Carta del docente e 18 App. Per informazioni rivolgersi allo 06 04 06, oppure via mail a assmusicamente@gmail.comoppure allo +39 379 183 2485.

Per tutti gli eventi dell’associazione MusicaMente, inoltre, fino a quando sarà in vigore la normativa vigente, sarà necessario essere in possesso di Green Pass a partire dai 12 anni di età (avvenuta vaccinazione – di almeno una dose – contro il Covid-19 da almeno 14 giorni, oppure certificazione di avvenuta guarigione dal Covid-19 nei sei mesi precedenti, oppure risultato tampone rapido o molecolare effettuato nelle 48 ore precedenti, con esito negativo).

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie