30.7 C
Palermo
martedì, 25 Giugno 2024
HomeStorie di vitaUcraina, missili su Chernihiv. Il dolore di una cittadina che vede la guerra da Palermo

Ucraina, missili su Chernihiv. Il dolore di una cittadina che vede la guerra da Palermo

A perdere la vita 7 civili tra cui una bambina di 6 anni. Più di 90 i feriti tra cui 10 agenti di polizia e 12 bambini. Una dodicenne è in gravi condizioni. Parla Viktoriya Prokopovych, coordinatrice per la Sicilia Occidentale del Consolato Generale dell'Ucraina a Napoli, che ha i familiari nella città colpita

Lilia Ricca
Lilia Ricca
Giornalista pubblicista, laureata in Comunicazione per le Culture e le Arti all'Università degli Studi di Palermo, con un master in Editoria e Produzione Musicale all'Università IULM di Milano. Si occupa di cultura, turismo e spettacoli per diverse testate online e da addetto stampa. Scrive di sociale per "Il Mediterraneo 24"
spot_img
  • arietegemelli width=cancro
    leoneverginebilanciascorpione
    sagittariocapricornoacquariopesci
spot_img

PALERMO. Il 19 agosto i missili russi hanno sferrato i primi attacchi missilistici nel centro storico di Chernihiv, a nord dell’Ucraina, sopra Kyiv, a 70 km dalla frontiera con la Russia. Uno dei missili ha colpito il teatro cittadino. A perdere la vita sono 7 civili tra cui una bambina di 6 anni. Più di 90 i feriti tra cui 12 bambini e 10 agenti di polizia. Una bambina di 12 anni in gravi condizioni è stata portata d’urgenza nella capitale Kyiv. Stamattina un altro missile, di tipo Iskander, ha colpito il centro storico di Chernihiv.

“Oggi la mia città è in lutto – dice Viktoriya Prokopovych, coordinatrice per la Sicilia Occidentale del Consolato Generale dell’Ucraina a Napoli, che ci racconta quanto appreso dai familiari che vivono nella città sotto attacco e dai mezzi di comunicazione -. Era un sabato mattina di festa. La gente stava uscendo dalla chiesa con ceste di mele consacrate quando il centro della città è stato preso di mira.

- Advertisement -
https://www.facebook.com/viktoriya.prokopovych/videos/700702871882841

La Russia non ha smesso di bombardare il territorio ucraino. Ogni giorno si sentono 3 o 4 sirene attraversare la città. Un’ora prima delle 11.20 di stamattina, un altro missile, Iskander, ha colpito il centro storico della mia bellissima Chernihiv. Questo genocidio non si arresta e non sappiamo ancora quanto tempo dovremmo resistere. È un dolore molto profondo. Ringraziamo l’Italia per la protezione antiaerea che fornisce al nostro paese. Alcuni attacchi hanno però distrutto palazzi civili e infrastrutture”.

Un anno fa Chernihiv dove vive la famiglia di Viktoriya è diventata una “città eroica”. “Tutta la periferia era stata distrutta, il centro della città è stato bombardato dai missili russi continua la rappresentante in Sicilia del Consolato ucraino a Napoli -. Sono stati colpiti il cinema, un policlinico dentistico per i bambini e un’altra struttura ospedaliera. Nel palazzo dove vive mia figlia con il marito e il figlio, un anno e mezzo fa, la parte di un missile è entrato sotto la loro stanza da letto. Abbiamo ricostruito a spese nostre senza percepire fondi a sostegno. Poi sono tornati a vivere nello stesso palazzo e vivono ancora lì”.

- Advertisement -

Come durante il periodo della pandemia da Covid-19 e in questi mesi di guerra da più di un anno, la comunità ucraina a Palermo attraverso l’invio di beni di prima necessità non fa mancare il proprio sostegno morale e materiale ai propri connazionali nel Paese.

Le foto sono di Viktor Koshmal

- Ad -
spot_img

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie

spot_img

Twitter

spot_img