19.1 C
Palermo
13 Giugno 2024
dal MediterraneoSiciliaLa vita all'interno del carcere: gli scatti di Michele Di Leonardo e...

La vita all’interno del carcere: gli scatti di Michele Di Leonardo e Salvo Valenti nella mostra “Ucciardone – ‘U Ciarduni”

Un reportage sul mondo delle carceri, racconta atmosfere e vita quotidiana dei detenuti nell'istituto di pena di Palermo. La mostra, che si inaugura sabato 15 ottobre al Centro Internazionale di Fotografia, sarà visitabile fino al 12 novembre

Lilia Ricca
Lilia Ricca
Giornalista pubblicista, laureata in Comunicazione per le Culture e le Arti all'Università degli Studi di Palermo, con un master in Editoria e Produzione Musicale all'Università IULM di Milano. Si occupa di cultura, turismo e spettacoli per diverse testate online e da addetto stampa. Scrive di sociale per "Il Mediterraneo 24"
spot_img

PALERMO. Sarà inaugurata sabato 15 ottobre, alle 18.00, al Centro Internazionale di Fotografia dei Cantieri Culturali alla Zisa, la mostra fotografica “Ucciardone – ‘U Ciarduni” di Michele Di Leonardo e Salvo Valenti, sul mondo delle carceri palermitane.

Raccolti in un volume edito da Kalòs, gli scatti di Di Leonardo e Valenti raccontano le atmosfere e la quotidianità del carcere Ucciardone, nel dialetto palermitano conosciuto come ‘U Ciarduni. “Perchè qui spiegano gli autori prima della nascita del carcere in epoca borbonica, cresceva una piantagione di cardoni, di carciofi. Il riferimento, più di uno, è visibile in una scultura in ferro all’interno della struttura”.

- Advertisement -
PH. SalvoValenti/MicheleDiLeonardo

Le foto colgono momenti diversi come il riposo, il relax di una partita a carte, il cibo e la messa domenicale, senza cercare l’inquadratura perfetta, anzi, insistendo quasi sulla casualità dello scatto.

“Le grate – spiega la storica dell’arte Maria Antonietta Spadaro in uno stralcio del libro – costituiscono un tema conduttore spesso presente a ricordarci quel distacco continuo, ossessivo, angosciante, tra il dentro e il fuori. Le foto evidenziano anche un altro aspetto, sconosciuto a chi ignora quel luogo, ossia la piacevole presenza, negli spazi esterni che si sviluppano tra i padiglioni dell’istituto, di enormi piante esotiche di notevole interesse botanico“.

- Advertisement -
PH. SalvoValenti/MicheleDiLeonardo

“Gli scatti di Michele Di Leonardo e Salvo Valenti hanno il puro scopo di registrare le atmosfere del luogo nella loro reiterata quotidianità. Non percepiamo turbamenti e agitazioni di sorta. Certo, trascorrere ogni giorno un tempo scandito da rigidi ritmi precostituiti può portare alla rassegnazione ma anche alla follia.

Dobbiamo, tuttavia, ricordare che non molto tempo fa esisteva la pena di morte e, inoltre, se l’Ucciardone, come ogni istituto di pena, è un luogo di sofferenza, non nascondiamo certo la nostra soddisfazione quando le sue porte si aprono ad accogliere qualche mafioso, finalmente arrestato, oppure l’autore di crimini efferati.

- Advertisement -
PH. SalvoValenti/MicheleDiLeonardo

Le “fotografie dal carcere” raccolte nel volume ci fanno riflettere su una realtà così inquietante e controversa del nostro universo sociale, sempre più liquido nella sua assenza di punti di riferimento.

“Quando si parla di carcere, a meno che non si abbia un’esperienza personale, non si può immaginare la drammaticità di questa realtà, di quanto la società rifiuti in maniera netta il reo, sia prima che dopo la scarcerazione e di come il concetto di libertà venga reinterpretato da chi, di quella libertà, non ne sentirà più il profumo”, spiega la criminologa Monica Capizzano.

PH. SalvoValenti/MicheleDiLeonardo

“Quello che avviene all’interno del carcere non è pienamente conoscibile. Il carcere è fatto anche di ‘muri di cinta, sbarre, chiavi, lunghi corridoi, suoni che echeggiano, radio accese qua e là, televisori ad alto volume, file di celle con tanti uomini e donne dentro. Molti detenuti si troveranno a fare i conti con il concetto di ‘tempo’.

Infatti, non è ‘soltanto con la privazione della libertà che sarà necessario rapportarsi per riorganizzare la propria vita, ma anche con il tempo: non più quello della vita al di fuori delle mura, che passa in fretta, che non ci basta mai, che corre sulle nostre vite più veloce delle nostre azioni, ma quello interminabile, infinito, lento, programmato, imprigionato dentro mura che non hanno tempo.”

PH. SalvoValenti/MicheleDiLeonardo

La mostra sarà visitabile dal martedì alla domenica, dalle 8.30 alle 18.00, fino al 12 novembre. Durante il vernissage di sabato 15 ottobre, alle 18.30, interverranno sull’argomento Pietro Cannella, Maria Antonietta Spadaro, Monica Capizzano, Anna Fici, Nunzio Brugognone, Fabio Savagnone, Connie Transirico, Marina Finettino.

- Ad-
spot_img

Ultime notizie

spot_img
spot_img

Il Liberty, età dell’oro per Palermo: mostra a Palazzo Sant’Elia

Simbolo della mostra è la cosiddetta “pupa del Capo”. Il percorso espositivo va dal 1897, data dell’apertura del Teatro Massimo di Giovan Battista Filippo e di Ernesto Basile, fino al 1923 anno dell’ultimazione della costruzione del Cinema Massimo

Notte europea dei musei, siti aperti in Sicilia a un euro. Ecco l’elenco

Il 18 maggio, per l'occasione, visite guidate, mostre speciali, performance artistiche, laboratori per bambini e tanto altro

Sergio e quel “cuore di coccinella” che diventa un libro

Un libretto di poche pagine - con illustrazioni -, animate, però, da un sentimento profondo: l’amore
spot_img

Al via i lavori per un asilo nido nel quartiere Sperone

Il progetto sarà realizzato con fondi PNRR, nell'area dove sorgeva un asilo degli anni '70, mai entrato in funzione e poi demolito nel 2019

Mamme per la pelle: a Ballarò, una serata contro razzismo e discriminazioni

Un'occasione di confronto e racconto dell'impegno dell'associazione, in programma domani, e per raccogliere fondi a sostegno delle sue iniziative

Didattica e innovazione a Unipa: Amazon punta sulla figura del “cloud architect”

Secondo l'Unione Europea, il 75% delle aziende, entro il 2030 dovrà aver adottato servizi di cloud, intelligenza artificiale e big data