17.5 C
Palermo
martedì, 16 Aprile 2024
HomeCronacaprovinceRagusa, Sicindustria dà il via all'academy per formare 12 saldatori

Ragusa, Sicindustria dà il via all’academy per formare 12 saldatori

Quattro dei nuovi partecipanti sono stati selezionati tra i richiedenti asilo. Nove degli 11 studenti che hanno partecipato alla prima classe sono già stati assunti

spot_img
  • arietegemelli width=cancro
    leoneverginebilanciascorpione
    sagittariocapricornoacquariopesci
spot_img

RAGUSA. Fornire ai giovani le competenze specifiche richieste dal mercato del lavoro. È questo l’obiettivo che ha portato Sicindustria Ragusa in collaborazione con Randstad Italia a lanciare, lo scorso autunno, il primo percorso di Academy Aziendale Associativa, “Tripla A”: 11 studenti selezionati con il coinvolgimento degli Istituti tecnici secondari del territorio sono stati formati in ambito d’impiantistica elettrica; meccanica; pneumatica e oleodinamica seguendo quelle che erano le richieste specifiche delle imprese. “Il risultato è stato straordinario – commenta Ciro Lambro, presidente del Comitato Piccola Industria di Sicindustria Ragusa – perché di questi 11 studenti, 9 sono già stati assunti dalle nostre aziende”. Ed è così che si è deciso di creare una seconda classe per 12 ragazzi che acquisiranno le competenze di saldatore: saranno tre i gruppi di ragazzi accolti all’interno delle aziende per la parte di affiancamento e acquisizione delle competenze tecniche.

I partecipanti, al termine delle lezioni formative, sosterranno l’esame di presa patentino che verrà rilasciato e certificato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura. Capofila di questa edizione sono le imprese “Industrie Meccaniche MO.I.ME., “Impresa Carpenteria Metallica I.C.M.” e “Infissi e Carpenteria C.M.P.”.

“La selezione – commenta l’Area manager Sicilia di Randstad Italia, Bruno Piccoli – ha centrato anche l’obiettivo di sostenibilità e inclusione. Attraverso la partnership con la Cooperativa FO.CO. di Chiaramonte Gulfi sono stati infatti selezionati 4 beneficiari richiedenti asilo politico, con l’obiettivo di potenziare lo sviluppo sostenibile del territorio e per la valorizzazione delle aspirazioni di ogni talento, affrontando l’inclusione come unicità e offrendo dignità lavorativa ai candidati”.

Lo strumento delle Academy esiste da tempo, ma spesso è proposto ed attuato da aziende con un numero consistente di dipendenti, che possono “permettersi” delle scuole di formazione interne. “Grazie al progetto Tripla A – conclude Lambro – stiamo rendendo disponibile questo strumento anche alle piccole aziende che, viceversa, non potrebbero permetterselo. Un percorso obbligato soprattutto se consideriamo che, in base si dati resi disponibili da Unioncamere e Anpal, il 22% dei posti offerti dalle imprese nel 2023 non è stato coperto per mancanza di candidati, il 13,5% per preparazione inadeguata e il 4% per altri motivi. Con la nostra Academy, la formazione è a misura d’impresa”.

spot_img

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie

spot_img

Twitter

spot_img