8.7 C
Palermo
sabato, 4 Dicembre 2021
HomeCultura“Il respiro della Terra”: in mostra Al Fresco giardino e bistrot le foto di Salvo Gravano

“Il respiro della Terra”: in mostra Al Fresco giardino e bistrot le foto di Salvo Gravano

Domani, 17 settembre, si inaugura una nuova tappa della rassegna “Gira, foto e firria”, nell'ambito del festival del turismo responsabile IT.A.CA', a Palermo

Leggi anche

spot_img
spot_img
spot_img

PALERMO. Al Fresco giardino e bistrot (vicolo Brugnò 1 a Palermo) torna ad ospitare un nuovo appuntamento con la rassegna fotografica curata da Salvo Gravano “Gira, foto e firria”. Sarà lo stesso Salvo Gravano a esporre le proprie immagini con una mostra dal titolo “Il respiro della Terra”, che verrà inaugurata il 17 settembre alle 17 nell’ambito della tappa palermitana del Festival del Turismo Responsabile IT.A.CÀ, che in questa edizione 2021 ha come tema proprio “Diritto di respirare”Il 18 settembre alle 18 è previsto un incontro con l’autore all’interno del giardino.

Salvo Gravano fa partire il suo racconto per immagini da un’affermazione del filosofo Schopenhauer: “Ogni respiro respinge la morte che preme in continuazione per fare il suo ingresso, e così ogni secondo combattiamo con la morte”. Riflettendo sull’importanza del respiro (prerogativa non solo di uomini e animali, ma anche delle piante), il fotografo ha allargato ancora di più lo sguardo, pensando al respiro non di un singolo vivente, ma a quello della casa comune: la Terra. Essa ne è privata troppo spesso e sempre per causa, diretta o indiretta, dell’uomo che sembra non capire quanto il suo comportamento sia nocivo soprattutto per se stesso.

La mostra vuole quindi testimoniare il rapporto fin troppo sbagliato tra noi e il pianeta, invitarci ad allargare e cambiare il nostro punto di vista (obiettivo non nuovo nelle mostre del fotografo palermitano) non solo su questo tema, ma più in generale nella vita, e infine dirci che non dobbiamo smettere di lottare per risolvere questa situazione perché, come dice Cicerone in una delle sue “Lettere ad Attico”, “Dum spiro, spero” ossia “Finchè respiro, spero”.

L’esposizione sarà visitabile durante gli orari di apertura del bistrot (mercoledì e giovedì dalle 16 a mezzanotte, da venerdì a domenica dalle 11 a mezzanotte).

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie

spot_img

Restiamo in contatto!

Social

spot_img

Newsletter

*Campi Obbligatori
spot_img

Twitter