21.6 C
Palermo
martedì, 27 Settembre 2022
HomeBuone notizieBasta informazione negativa! Una firma per avere nei media più "buone notizie"

Basta informazione negativa! Una firma per avere nei media più “buone notizie”

Al via su Change.org la petizione dell’associazione The Bright Side per una discussione e una provocazione sociale e civile: per ogni media almeno il 50% di informazione positiva

Leggi anche

spot_img
spot_img
spot_img

PALERMO. Una dose minima del 50% di informazioni utili, positive e costruttive perché si crei un sentiment di fiducia e speranza nel futuro. E’ questo il cuore della petizione lanciata su Change.org dall’Associazione The Bright Side, che da sette anni lavora perché si affermi il diritto per i lettori, gli spettatori e gli ascoltatori dei media di ricevere anche le “buone notizie” e di conoscere la positività che ogni giorno i media non raccontano e non martellano!

Un diritto all’informazione positiva per gli utenti e un dovere etico e professionale per chi ogni giorno lavora nel settore. Del resto le esperienze in Italia del Corriere della Sera-Buone Notizie, in USA di Google-Tell me something good e in Olanda di Thecorrespondent.com che ha raccolto 2.5 milioni di dollari di fondi col crowdfunding per realizzare la propria rivista di Buone Notizie – dimostrano che è possibile fare un’informazione differente e che le buone notizie fanno notizia!

Dopo sette anni di attività della nostra community digitale e due della nostra Associazione – commenta il presidente dell’associazione, Tonino Espositopensiamo che siano maturi i tempi sotto il nostro profilo organizzativo e relazionale per lanciare una campagna di sensibilizzazione e mobilitazione civile su un tema quanto mai caldo, attuale, fondamentale per il futuro del nostro Paese: quello che noi chiamiamo il Diritto all’informazione positiva paritaria nei media”.

Una petizione che si rivolge in primo luogo  al Servizio Pubblico della RAI e all’Ordine dei giornalisti perché continua il Presidente: “Riteniamo ci siano tutti i presupposti affinché chi in Italia fa informazione e ne è responsabile debbano prestare ascolto alle nostre richieste, accogliere il senso della nostra provocatoria petizione (portata avanti a budget zero e su base assolutamente volontaria) ed iniziare a cambiare verso al modo vecchio, superato, parziale di fare informazione fatto tutto o quasi del racconto delle bad news. Che i media siano un vero specchio del mondo e non uno specchio parziale, deformato, deformante della realtà”.

Esposito ribadisce che “non è vero che le buone notizie non fanno notizia“. “Anzi, fanno buone notizie, buon umore, futuro e informazione. Noi sosteniamo senza timore di essere smentiti che non può esserci una buona, utile e completa informazione che non contenga almeno il 50 per cento di buone notizie, buone pratiche e tanta cronaca positiva o bianca. Quella che oggi di fatto è esclusa dai media perché considerata una cronaca di serie B. Una cronaca destinata a essere omessa o destinata ai trafiletti dei palinsesti dei giornali, delle tv e delle radio“.

Diverse le attività che l’Associazione metterà in campo per diffondere la petizione attraverso i suoi canali social, attività dal vivo e mediante il TG delle Buone Notizie che a Gennaio 2022 partirà con la sua quinta edizione nelle scuole di tutte le Regioni italiane e che si può seguire sulla pagina Facebook @Positivitybox0

La petizione può essere firmata a partire dai sedici anni sul portale https://chng.it/zvLFdpLVY9 o sul sito dell’associazione https://www.associazionetbs.org/. Il coordinamento delle attività legate allo sviluppo della petizione sono a cura di Tonino Esposito, Benedetta Cosmi e Mauro Spallucci.

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie