9.5 C
Palermo
sabato, 4 Dicembre 2021
HomeCulturaA Palermo P/Atto-Poesia in Azione, il primo Festival di Poesia Performativa

A Palermo P/Atto-Poesia in Azione, il primo Festival di Poesia Performativa

La manifestazione possibile grazie alle vendite della raccolta di poesie “64 anni” di Preziosa Salatino e Giuseppe Di Vincenzo

Yuri Testaverde
Ha studiato Scienze Politiche all'Università La Sapienza di Roma. Impegnato nel mondo sociale, è stato membro attivo di diversi progetti in ambito socio-politico tra Roma e Palermo, dove ha curato le pubbliche relazioni per il network RenUrban. Dal 2018 collabora con il mensile Cntn e, da ottobre 2020, con "Il Mediterraneo 24"

Leggi anche

spot_img
spot_img
spot_img

PALERMO. Poesia performativa come unione di parola ed azione: parte da qui la prima edizione di P/Atto Poesia in Azione, che si terrà sabato e domenica, 23 e 24 ottobre da NOZ ai Cantieri Culturali della Zisa e al Teatro Atlante. Il festival era già stato ufficialmente lanciato a fine settembre durante l’incontro col noto poeta Bruno Tognolini. La manifestazione nasce da un “patto” precedente tra Preziosa Salatino, attrice e co-fondatrice del Teatro Atlante, e Giuseppe Di Vincenzo, ex allievo e studente della Facoltà di Medicina.
Nel 2020, con la casa editrice Antipodes, hanno pubblicato la loro raccolta di poesie “64 anni”. La loro intenzione era quella di farlo diventare solo il primo tassello di una visione condivisa più ampia: far nascere “dal basso” un festival della poesia autofinanziato proprio attraverso gli introiti della vendita del loro libro. Così volevano fare in modo che “il sogno di due persone si potesse concretizzare nel coinvolgimento di un’intera comunità”, affermano gli ideatori.

Dalla collaborazione tra artisti e poeti nasce “P/Atto-Poesia in Azione”

Ecco che, in un solo mese, il Festival di Poesia Performativa diventa la base per una proficua collaborazione con professionisti dello spettacolo, poeti e poetesse, cittadini interessati. E rivelarsi anche elemento di riscatto per il Teatro Atlante e per i suoi laboratori, che presto ripartiranno dopo quasi 2 anni di “chiusura forzata” per questioni legate alla pandemia in atto.

Gli spettacoli serali di sabato e domenica, infatti, si terranno nella sede del Teatro Atlante in via della Vetriera, 23 sottoscrivendo uno o più P/atti (Patto Neruda, Patto Montale, Patto Gualtieri) attraverso un contributo che varia in base alla formula scelta. Gli appuntamenti da NOZ ai Cantieri Culturali saranno, invece, tutti ad ingresso libero, a partire dall’incontro di sabato alle 16.30 che aprirà il festival con la presentazione, tra poesia e fotografia, della raccolta di Ilaria Grasso ispirata alle fotografie di Letizia Battaglia.

In programma laboratori creativi, reading e performance

Seguiranno attività a tema, laboratori creativi, reading, presentazioni di libri, performance per tutto il week-end, in quella che si prospetta come una vera e propria festa collettiva, recuperando così le origini greche della parola poesia, che indica l’atto della creazione, il fare creativo.

Due giornate dedicate alla diffusione della poesia performativa con il Festival di Poesia Performativa. Di questi tempi un vero e proprio invito alla condivisione e alla bellezza, a prendere “la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore”, come già splendidamente suggeriva Italo Calvino.

LEGGI IL PROGRAMMA COMPLETO

Per informazioni e prenotazioni: [email protected]

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie

spot_img

Restiamo in contatto!

Social

spot_img

Newsletter

*Campi Obbligatori
spot_img

Twitter