16.9 C
Palermo
venerdì, 7 Ottobre 2022
HomeBuone notizieBorgo Molara, un giardino confiscato restituito alla città di Palermo

Borgo Molara, un giardino confiscato restituito alla città di Palermo

Nello spazio tante le iniziative da sviluppare, da percorsi esperienziali sull’ambiente a laboratori creativi con l’uso di materiali naturali e/o da riciclo

Benedetto Frontini
Benedetto Frontini
Perito elettronico, con una formazione in ingegneria elettronica. Ha lavorato nel mondo della televisione privata come tecnico e operatore. Nel 1984 l'approdo a TGS. Per il Giornale di Sicilia ha seguito il passaggio tecnologico. Dal luglio 2020 si dedica a tempo pieno alla famiglia e alla sua grande passione di videomaker, anche per "Il Mediterraneo 24"

Leggi anche

spot_img
spot_img
spot_img

PALERMO. Cinquemila metri quadrati di area verde attrezzata, con giostre, piattaforme, e tante attività per bambini e ragazzi. Il Giardino di Borgo Molara, sito in via Molara n. 160, è sttao inaugurato nei giorni scorsi, in occasione dell’evento conclusivo del progetto “Have a Party Park for You – HAPPYsostenuto dal dipartimento per le Politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Il progetto, coordinato dall’associazione People Help the People, ha coinvolto bambini e ragazzi dai 4 ai 18 anni in numerose attività, quali percorsi esperienziali sull’ambiente, laboratori creativi che, attraverso l’uso di materiali naturali e/o da riciclo, hanno portato alla realizzazione di arredi ecologici, laboratori di orto didattico e orto sociale, per favorire il dialogo intergenerazionale, poi ancora laboratori di Libro-forum per incentivare l’approccio alla lettura e migliorare le capacità di ascolto e laboratori di scrittura creativa per stimolare l’immaginazione e migliorare le competenze.

Uno dei risultati più importanti e significativi – spiega Giuseppe Labita, presidente di People Help the People è stata la realizzazione di un Summer Camp gratuito, che ha coinvolto oltre 50 bambini e ragazzi dai 6 ai 18 anni che hanno anche contribuito a rendere il giardino un vero e proprio luogo di ritrovo all’interno del quartiere. Il Giardino di Borgo Molara, un bene confiscato che diventa bene comune – conclude Labita – è un luogo in cui tutti i cittadini avranno la possibilità di trascorrere qualche ora all’aria aperta, riscoprendo il piacere di prendersi cura della natura e di sé stessi”.

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie

spot_img