21.1 C
Palermo
mercoledì, 28 Settembre 2022
HomeBuone notizieSalvarono donna in mare: encomio solenne a Cefalù

Salvarono donna in mare: encomio solenne a Cefalù

Nel corso della cerimonia è stato conferito il riconoscimento di valore ai sottocapi Alessandro Gullo e Fabio Spada

Leggi anche

spot_img
spot_img
spot_img

CEFALÙ. L’amministrazione comunale di Cefalù ha conferito l’encomio solenne ai due militari della Guardia costiera che il 10 gennaio 2022, hanno salvato una donna regolarmente imbarcata su un peschereccio, finita accidentalmente in mare a causa delle avverse condizioni meteo.

L’encomio è stato conferito ai sottocapi Alessandro Gullo e Fabio Spada in servizio presso l’ufficio locale marittimo di Cefalù.

Alla cerimonia erano presenti il direttore marittimo, capitano di vascello Raffaele Macauda; il comandante dell’ufficio circondariale marittimo di Termini Imerese, tenente di vascello Luca Turrisi; il comandante dell’ufficio locale marittimo di Cefalù, primo luogotenente Antonio Virzì e il sindaco di Cefalù Rosario Lapunzina.

Di entrambi sono stati riconosciuti, in particolare, il grande senso di dovere, la solidarietà umana e l’abilità nell’intervento tempestivo e risolutivo. Di seguito la motivazione ufficiale dell’encomio.

I signori sottocapo Alessandro Gullo e sottocapo Fabio Spada, militari in servizio presso l’ufficio navale marittimo di Cefalù, in data 10 gennaio 2022, con grande sprezzo del pericolo, fedeli ai compiti d’istituto e agli obblighi di solidarietà umana, traevano in salvo una donna, risultata essere un marittimo regolarmente imbarcato presso una unità di pesca, la quale a causa delle avverse condizioni metereologiche cadeva accidentalmente in acqua, all’interno dell’area portuale di Cefalù, restando per alcuni minuti in balia delle procelle, fino all’intervento tempestivo dei due militari che sono riusciti a trarla in salvo, sottraendola ad un infausto destino che sarebbe stato causato da ipotermia, della quale la signora recava già evidenti sintomi. Fulgido esempio di senso del dovere e sprezzo del pericolo”.

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie

spot_img