19.2 C
Palermo
sabato, 18 Maggio 2024
HomeBuone notizieDalla parrocchia San Vincenzo de' Paoli il "giocattolo sospeso" per i bambini più poveri

Dalla parrocchia San Vincenzo de’ Paoli il “giocattolo sospeso” per i bambini più poveri

Il parroco ha chiesto ai piccoli di esprimere i loro desideri per Natale. Saranno realizzati con le donazioni o acquistando il regalo direttamente in negozio per loro

Benedetto Frontini
Benedetto Frontini
Perito elettronico, con una formazione in ingegneria elettronica. Ha lavorato nel mondo della televisione privata come tecnico e operatore. Nel 1984 l'approdo a TGS. Per il Giornale di Sicilia ha seguito il passaggio tecnologico. Dal luglio 2020 si dedica a tempo pieno alla famiglia e alla sua grande passione di videomaker, anche per "Il Mediterraneo 24"
spot_img
  • arietegemelli width=cancro
    leoneverginebilanciascorpione
    sagittariocapricornoacquariopesci
spot_img
- Advertisement -

PALERMO. L’idea è partita da padre Calogero Di Fiore e dai volontari della parrocchia San Vincenzo de Paoli di Palermo: hanno organizzato una raccolta fondi per fare avere ai bambini più poveri del quartiere un dono sotto l’albero. L’iniziativa viene organizzata per il terzo anno consecutivo.
Chi volesse partecipare alla raccolta fondi può effettuare un bonifico intestato a parrocchia San Vincenzo De Paoli – Iban: IT98V0200804611000102634765 causale: Sfida di Natale 3. È possibile in alternativa recarsi nei punti vendita del negozio Giocheria, in via Alcide de Gasperi 91 o via Catania 32.
Grazie alla disponibilità di Giocheria, coloro che vorranno aderire a questo progetto potranno acquistare un giocattolo che sarà destinato a un bambino di una famiglia con difficoltà economiche.

- Advertisement -

Spesso siamo noi a scegliere i regali, ma quest’anno abbiamo voluto ascoltarli chiedendo loro di esprimere i loro desideri in alcune lettere – spiega padre Di Fiore -. Siamo stati sorpresi dalla richiesta di tanti di loro: hanno chiesto qualcosa per il fratellino o per la sorellina. Molti bambini ci hanno chiesto un paio di scarpe, una bambola o un pallone. Vogliamo aiutare famiglie che, in diversi casi, vivono in abitazioni fatiscenti“.

- Ad -
spot_img

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie

spot_img

Twitter

spot_img