27.2 C
Palermo
martedì, 25 Giugno 2024
HomeCultura“Griderò sui vostri muri”, i movimenti femministi fanno il punto a Palermo attorno al film francese

“Griderò sui vostri muri”, i movimenti femministi fanno il punto a Palermo attorno al film francese

Diversi gli appuntamenti in programma al Cinema De Seta: dalla proiezione alla presenza delle due registe marsigliesi al dibattito con 400 studenti delle scuole superiori di Palermo

Alessia Rotolo
Alessia Rotolo
Ama Palermo e il centro storico, i tre mercati, i quattro mandamenti, il Genio e la Santuzza. Segue con passione i processi partecipativi di riqualifica della città nati dal basso che stanno pian piano cambiando il volto di Palermo rendendola sempre più affascinante. Scoprire storie e raccontarle è la sua migliore capacità dettata da una passione incessante per il mestiere di giornalista
spot_img
  • arietegemelli width=cancro
    leoneverginebilanciascorpione
    sagittariocapricornoacquariopesci
spot_img

PALERMO. Una serata al Cinema De Seta per fare il punto sullo stato dell’arte delle lotte femministe in città, in Europa e nel mondo. Palermo chiama Marsiglia è il nome dell’iniziativa generale che ha visto diversi appuntamenti susseguirsi in città da lunedì 27 novembre e altri ne vedrà fino a domani giovedì 30 novembre per animare il dibattito cittadino sui temi della riappropriazione dello spazio pubblico, del patriarcato, della cultura dello stupro, sulle violenze di genere, i femminicidi.

Tema della serata di stasera (al cinema De Seta ai Cantieri Culturali alle 21, ingresso gratuito) è “Per una militanza femminista e collettiva”, che prevede la presentazione e la proiezione del film “J’irai crier sur vos murs” (Urlerò sulle tue mura), alla presenza delle due registe marsigliesi Charlotte Ricco ed Elodie Sylvain, insieme a loro, l’artista ‘Ndrame (Annarita Gaudiomonte). A seguire è previsto un dibattito pubblico tra varie associazioni e movimenti cittadini che si battono contro le differenze di genere. A introdurre la serata sarà Éric Biagi, direttore dell’Institut Français Palermo.

- Advertisement -

Dopo la proiezione del film e il dibattito tra registe, associazioni e pubblico, seguirà la performance femminista “La lotta è figa” con la partecipazione di Daria Karpova insieme ad artiste e attiviste transfemministe siciliane, russe, francesi e gipsy. Parteciperanno anche l’Urban Street Band di Tavola Tonda e le Poison Kittens Rollerderby.

“Palermo chiama Marsiglia” è promosso da Mediter Italia, Institut Français Palermo, Università degli studi di Palermo – Dipartimento Culture e Società, 13 Prods, UdiPalermo, Malafimmina e Collettivo Medusa. Aderiscono: Palermo è fimmina, Arci Sicilia, Cgil Palermo, Emily Palermo, Moltivolti, Le donne del Caffè Filosofico Beppe Bonetti, Bocs Bagheria. Si inserisce anche nel progetto VOCE ALLE DONNE, ciclo di incontri italo-francesi sui diritti delle donne, promosso e organizzato dall’Ambasciata di Francia in Italia – Institut français Italia.

- Advertisement -

Il progetto proseguirà il giorno successivo (30 novembre) dedicando attenzione al mondo giovanile. Saranno oltre 400 gli studenti e le studentesse delle scuole superiori che giovedì 30 novembre riempiranno il Cinema De Seta per un altro momento di confronto, dal titolo “Arte, cultura ed educazione contro le violenze di genere”, con le autrici del film. A portare i saluti sarà nuovamente Éric Biagi, direttore dell’Institut Français Palermo.

Dopo l’intervento di Daniela Dioguardi (UdiPalermo), N’drame coordinerà, con la collaborazione di Angelica La Mantia ed Erika Vagante, un laboratorio dedicato al giovane pubblico con la cui collaborazione sarà realizzato un collage urbano. Un’altra importante tappa di un percorso che punta a costruire una rete di associazioni, movimenti, artiste, femministe e transfemministe, che non intendono allentare la tensione e l’attenzione su temi che vanno dalla riappropriazione degli spazi pubblici all’educazione alla cultura del consenso necessaria per combattere la cultura dello stupro.

- Advertisement -

Sinossi del film “J’irai crier sur vos murs”
“Qui c’è stato uno stupro”. Come ci si sente a leggerlo? “J’irai crier sur vos murs” (Griderò sui vostri muri) incontra donne impegnate che usano la strada per trasmettere i loro messaggi femministi. A Marsiglia, negli ultimi anni, i muri sono stati ricoperti da un nuovo tipo di messaggio: le donne combattono gli stereotipi occupando lo spazio pubblico. Tutte denunciano le discriminazioni, la violenza e le molestie di strada e usano la street art come arma di comunicazione di massa, un mezzo d’azione femminista. “J’irai crier sur vos murs” si propone di incontrare queste nuove messaggere, svelando le loro aspirazioni e motivazioni. Una vera e propria
immersione con le donne che si appropriano dello spazio pubblico. Il film mostra il femminismo, dalla creazione all’azione. E solleva domande: l’uso dello spazio pubblico, al crocevia tra pratica artistica e azione militante, può scuotere le cose?

- Ad -
spot_img

Leggi anche

spot_img
spot_img

Ultime notizie

spot_img

Twitter

spot_img